“Ora il Governo potrà ascoltare il territorio di Viterbo”

di DIEGO GALLI –

VITERBO – Recovery Plan e sviluppo del territorio di Viterbo: questi gli argomenti fulcro della conferenza della Lega tenutasi stamattina presso le Terme dei Papi. Una riunione “diretta” dal Senatore Umberto Fusco e dal neo sottosegretario di Stato per l’economia e le finanze Claudio Durigon. In sala, oltre agli esponenti locali della Lega, anche molti dei sindaci legati al partito di Salvini, come quelli di Monteromano e Tarquinia.

L’appuntamento è arrivato in tempi non sospetti, in quanto le elezioni amministrative 2021, anche se rimandate all’autunno, saranno un importante terreno di gioco per tutti i partiti politici. Il passaggio del sottosegretario Durigon sui prossimi impegni del Governo Draghi, infatti, ha sottolineato gli obiettivi condivisi dalla Lega, come il piano vaccini e l’arrivo del tanto atteso Decreto ristori, ma non sono mancate anche parole sull’ipotesi di rinnovare Quota 100 e sulle modifiche che il sottosegretario vorrebbe per l’ottenimento del Reddito di cittadinanza, oggi giudicato “troppo semplice da ottenere e di poco aiuto al mondo del lavoro”. Il partito di Salvini, da sempre è stato tra quelli che più di tutti hanno cercato di sensibilizzare il governo italiano a dare ascolto ai professionisti e alle partite Iva in difficoltà e che, insieme agli altri partiti di centrodestra, ha sempre “bacchettato” molte delle proposte dei 5 Stelle.

“L’aiuto di persone come il sottosegretario Claudio Durigon – ha dichiarato il senatore viterbese – sarà fondamentale per aiutarci a gestire al meglio i possibili fondi che arriveranno sul nostro territorio. È dal 2008, dai tempi dei Fondi Plus – ha specificato Fusco – che la città non gode di aiuti importanti e il territorio di Viterbo è molto vasto, troppo per destinare i limitati fondi a disposizione alle solite aree. Località come Sant’Angelo di Roccalvecce sono troppo importanti per essere abbandonati a loro stessi”. Una piccola frecciata, forse, all’amministrazione comunale guidata dal sindaco Giovanni Arena, più volte giunta ai ferri corti con la branca leghista di Palazzo dei Priori.

Durigon, appoggiato da Fusco, ha successivamente ricordato quanti sono i progetti “in cantiere” nella Tuscia. Il completamento della Cassia Bis e della Orte Civitavecchia, come anche la da poco annunciata fermata dell’alta velocità a Orte, sono opere fondamentali che il sottosegretario – ha assicurato, saranno portate avanti. “Il territorio del Viterbese non sarà dimenticato”, ha rassicurato Durigon, specificando che ora potrà godere di interlocutori attenti e presenti.

“Oggi, grazie a questo Governo, possiamo dare un importante aiuto al nostro territorio anche dal

Claudio Ubertini

punto di vista del turismo e del termalismo“, ha sottolineato Fusco, ricordando due colonne portanti dell’economia locale. Questi obiettivi, hanno ribadito entrambi gli interlocutori, saranno quelli fondamentali per il rilancio dell’economia. Allo stesso modo, ha dichiarato Durigon, “sarà necessaria una semplificazione dell’esagerata burocrazia” che tiene bloccata tutta l’Italia.

“Il Recovery Plan sarà una leva importante sulla quale investire per dare un futuro a territori come quello di Viterbo”, ha concluso Durigon, lasciando presagire che la Lega farà il possibile per difendere il territorio della Tuscia.

Print Friendly, PDF & Email
Condividi con:
LEGGI TUTTE LE NOTIZIE