Partito Giustizialista italiano: “Papa Francesco, il primo Papa di idee giustizialiste”

Riceviamo dal segretario nazionale del Partito Giustizialista Italiano, Filippo Ortenzi e pubblichiamo: “Abbiamo letto le entusiasmanti parole ortenzi-partito-giustizialistadi Papa Francesco, il primo papa non democristiano ma di idee politiche giustizialiste (vedi ad es. http://www.papalepapale.com/develop/il-paperon-unindagine-sullanima-politica-di-jorge-m-bergoglio-tra-cattolicesimo-e-peronismo/) vicino idealmente quindi al

nostro Partito (unica formazione giustizialista presente in Italia), pronunciate nell’omelia del 18 novembre dove ha definito il progressismo una radice perversa di mondanità, una forma adolescenziale di fuga in avanti, apostasia, adulterio che mercanteggia la fedeltà al Signore. Un riferimento ai valori non negoziabili costantemente svenduti dai “cattolici adulti” quali amano chiamarsi i fedeli alla Prodi, alla Rosy Bindi o che militano, come Renzi, nel Partito Democratico. All’uopo ha citato il romanzo di Robert H. Benson “Il Padrone del mondo ” pubblicato in Italia dalla Casa Editrice Fede & Cultura diretta dal prof. Giovanni Zenone con prefazione di mons. Luigi Negri. . In quell’opera, ha detto il Pontefice, si analizza «quello spirito di mondanità che ci porta all’apostasia». Un’apostasia che si uniforma al mondo, che «segue la storia», e infatti ci impone «i sacrifici umani,».

E qui riferendosi all’aborto, ha poi chiesto: «Ma voi pensate che oggi non si facciano, i sacrifici umani? Se ne fanno tanti, tanti! E ci sono delle leggi che li proteggono Ma il Papa non si è accontentato di consigliare un detto libro ma ha anche citato quasi letteralmente alcuni passi del libro di Giovanni Zenone “A sinistra di Dio ” in cui si spiegano le radici psicologiche del sinistrismo progressista. Un gesto decisamente in controtendenza e che inequivocabilmente luce sulle idee giustizialiste e non progressiste, come taluni giornali tendono a far credere di un Papa che dai confini del mondo è venuto per indicare al nostro popolo e al mondo la via, la verità e la vita come tramandataci dagli insegnamenti di un lontano artigiano e predicatore galileo, certo Gesù di Nazareth i cui insegnamenti sono stati quanto più di rivoluzionario e travolgente si sia verificato nella storia umana perché hanno non soltanto cambiato la politica degli Stati ma i cuori e le coscienze degli Uomini.

   

Leave a Reply