Partito l’iter per la creazione del Bio-distretto lago di Bolsena. Il Comune di Montefiascone nel comitato promotore   

di LIA SARACA –

MONTEFIASCONE ( Viterbo) – Creare un bio – distretto nel bacino del lago di Bolsena, “un’area vocata al biologico dove agricoltori, pubbliche amministrazioni, artigiani, imprenditori, operatori turistici e abitanti del territorio stringono un accordo per una gestione sostenibile delle risorse”.

E’ questo il progetto del costituendo comitato promotore per la realizzazione del bio – distretto che tiene conto della legge regionale numero 11 del 2019 sulla disciplina e promozione dei bio – distretti, finalizzata alla diffusione di una cultura del biologico e della biodiversità. Accanto alla promozione della filiera dei prodotti biologici e dell’economia circolare.

Con la delibera del commissario vicario Giuseppe Antonio De Cesare del 12 febbraio scorso, il Comune di Montefiascone ha aderito alla partecipazione e costituzione del comitato promotore del “Bio – distretto Lago di Bolsena”.

“L’amministrazione commissariale – scrive nell’atto – intende favorire e sostenere la transizione verso un sistema agroalimentare sostenibile, in grado di affrontare le sfide connesse con la salute e la sicurezza alimentare, la tutela dell’ambiente e la riduzione degli effetti dei cambiamenti climatici; che sia capace di offrire vantaggi economici e assicurare, attraverso modelli di produzione a basso o nullo impatto ambientale, l’adozione da parte dei cittadini di più salutari stili di vita e di consumo, il ripristino e la rigenerazione degli ecosistemi, la creazione di nuovo valore economico e sociale per l’area territoriale”.

L’intento è dunque rivolto a una conversione verso la produzione biologica nell’esteso territorio del lago di Bolsena idoneo alla realizzazione del bio – distretto, con un marchio garanzia di qualità, strumento di promozione del bio – distretto stesso e indicatore di una forte identità territoriale nella quale la centralità del lago venga associata all’agricoltura ecosostenibile, alla tutela del lago e alla promozione delle fonti di energia rinnovabili.

Insomma, un percorso di costituzione dove la convinzione di fare rete per l’obbiettivo comune di tutela e valorizzazione delle ricchezze agri – turistiche del territorio rappresenta un importante “sì” di fronte al “no” corale su alcuni progetti industriali di sfruttamento che per niente si sposano con le peculiarità del comprensorio.

A questa prima tappa che vede quindi la costituzione del comitato promotore per la realizzazione del  “Bio – distretto del Lago di Bolsena” seguirà la trasmissione alla Regione Lazio della proposta di individuazione e costituzione, poi l’istruttoria da parte della regione stessa con il riconoscimento e la costituzione del bio – distretto. Infine, la redazione con l’approvazione del piano del bio – distretto.

 

Print Friendly, PDF & Email