Passeggiata/racconto per il 125esimo anniversario del Touring Club Italiano, domenica 10 novembre

VITERBO – Nell’ambito delle celebrazioni del 125° anniversario del TCI (Touring Club Italiano). “Sfregando” dalla lampada magica dei racconti la pianta della città insieme con le splendide descrizioni contenute nella guida “Rossa” 1923 (non mancheranno brani tratti dalle edizioni successive, fino al secondo dopoguerra); rievocando alcuni preziosi versi-bussole di Leopardi (“Canzone ad Angelo Mai”) e Baudelaire (“Il viaggio”) nonché certe isole-scrivanie descritte nel cuore della sua “Casa ideale” da Robert Louis Stevenson (sì certo, proprio quello della “Isola del tesoro”); partendo dal Sacrario ai caduti della piazza omonima, la passeggiata/racconto si snoderà solcando l’asse viario viterbese della modernizzazione di primo ‘900: via Ascenzi, via Marconi, piazza del Teatro, fino a oltrepassare il varco nelle mura medievali sulla Cassia, e pestando i piedi sulla sepolta e ormai dimenticata-favolosa Gabbia del Cricco. Leggerà Pietro Benedetti. Antonello Ricci gran cerimoniere. The Last Waltz (ultimo giro) per la Banda del racconto.

La passeggiata-racconto di domenica 10 novembre nell’ambito delle celebrazioni per il 125° del Touring Club (appuntamento ore 10,00 Sacrario dei Caduti) sarà ambientata nei primi anni Venti del secolo scorso, quando di Viterbo si parlò per la prima volta nella “Guida d’Italia TCI” del 1923.

L’evento è organizzato in sinergia con Davide Ghaleb editore. Per la partecipazione si richiede
l’acquisto di un volume a scelta dal suo ricco catalogo. Per iniziativa del gruppo consolare viterbese del Touring Club guidato da Vincenzo Ceniti ai partecipanti verrà fatto dono della copia anastatica della “Guida d’Italia – vol. III Italia centrale” (1923) – sezione Viterbo. Un cadeau da non perdere.

 

Print Friendly, PDF & Email