Politica. Il Pdl è tramontato. In Comune rinasce FI con Marini

Con un’ora e mezza di discorso Silvio Berlusconi, al Consiglio nazionale del Pdl, tenutosi a Roma al Palazzo dei Congressi dell’Eur, ha sancito, di fatto, la chiusura del Pdl e la riesumazione di Forza Italia con la conseguente uscita dal governo (passerà all’opposizione).Giulio Marini Berlusconi  ha anche dato la paterna approvazione al nuovo partito fondato da Alfano “Nuovo centro destra”, (logo che non potrà utilizzare perché depositato già da Bocchino nel 2006).

“Avevo consigliato il nome Cugini d’Italia – ha detto il Cavaliere – visto che nella nostra coalizione c’è già Fratelli d’Italia”. Insomma staranno uniti appassionatamente all’opposizione per lavorare insieme alle prossime elezioni, anche europee.

.E a Viterbo che cosa succede? Giulio Marini ex sindaco di Viterbo, ex coordinatore provinciale del Pdl e oggi consigliere comunale nella Giunta Michelini, da sempre convinto sostenitore di “Re Silvio” e fedele nei secoli è andato al Consiglio nazionale e ha votato per Forza Italia. Ecco che in Comune cambiano gli assetti politici della minoranza: il Pdl si spacca e si tramuta in FI con Claudio Ubertini capogruppo, mentre in Provincia Marcello Meroi (ex An) resta cauto insieme al gruppo dei “lealisti”, anche se ha votato per FI

   

Leave a Reply