Premiazione della prima edizione del concorso “Io contadino XXI secolo”

di MARIELLA ZADRO –

VITERBO – La premiazione si è svolta lunedì 6 giugno 2022 presso la Sala Conferenze della Provincia di Viterbo. Il presidente dell’Amministrazione Provinciale Alessandro Romoli, presente alla premiazione per un saluto agli organizzatori e un ringraziamento a tutti i partecipanti, ha ribadito la necessità di “fare rete” per costruire progetti.

Un saluto da Rita Speranzon in rappresentanza dell’Associazione La Luna Nuova Onlus:

 “Dal 2020 abbiamo avviato un percorso virtuoso, il cui scopo anche attraverso piccole iniziative è stato ed è, quello di creare un collegamento, una sinergia con i molteplici attori culturali e sociali che operano nella nostra realtà e che si riconoscono nell’obiettivo di recuperare la città come luogo di relazione.

 Sono obbiettivi che ritroviamo nell’ agenda 2030, come citato:

 ” Gli obiettivi fissati per lo sviluppo sostenibile hanno una validità globale, riguardano e coinvolgono tutti i Paesi e le componenti della società, dalle imprese private al settore pubblico, dalla società civile agli operatori dell’informazione e cultura”.

 In particolare nell’obiettivo 11:

 “Rendere le città e gli insediamenti umani inclusivi, sicuri, resilienti e sostenibili”

Noi riteniamo che le opportunità di collaborazione possano sviluppare un percorso evolutivo e portare alla definizione di un attore sociale, capace di incidere nella strategia di rilancio della città.

E’ con questo spirito che come associazione, oggi, presentiamo questo nostro contributo, rivolto agli alunni della Scuola Primaria, il risultato del concorso scolastico.

Oggi sono loro gli “attori “che con i loro elaborati hanno contribuito al processo di cambiamento”

Interviene anche Elena Bocci – Nonni e Nipoti che ha illustrato le finalità del progetto:

L’ importante che l’agricoltura segua importanti innovazioni in senso tecnico, organizzativo e tecnologico, sostenuta e indirizzata da organismi competenti che esercitino la propria vitale funzione in questo senso.

Un contributo molto significativo lo ha dato la riforma fondiaria che è partita nel 1950.

La riforma fondiaria è stato un grande strumento di modernizzazione; ha favorito l’ingresso del mondo rurale sulla scena dell’economia del nostro paese.

Nel 1951 nacque l’Ente Maremma con l’obiettivo di creare una rete di terreni agricoli nel centro Italia (Toscana e Lazio).

In quegli anni lo Stato Italiano dovette ricorrere all’esproprio di vasti territori perlopiù incolti   o destinati al pascolo di bestiame allo stato brado. Si trattava di territori di proprietà di storiche famiglie della   nobiltà   di   quegli   anni (come   la   famiglia   Torlonia) e   si   fece   attraverso   molte   leggi   create appositamente.

 

Per far conoscere meglio questo periodo storico che i contadini del  nostro territorio hanno vissuto, sulla base della Convenzione sottoscritta tra l’ARSIAL e la Caritas Diocesana di Viterbo e nell’ambito di un lavoro rete che include il Gruppo Nonni e Nipoti di Viterbo (emanazione di Caritas e Acli), l’Associazione La Luna Nuova Onlus, è stata organizzata una mostra fotografica che documenta quanto detto ed è visitabile fino al 15 giugno al Palazzo Scacciaricci (quartiere San Pellegrino)  in Viterbo.

Al concorso hanno partecipato 6 classi 3,4,5 San Martino e 3B, 5E, 5D dell’I.C.” S.Canevari” e un gruppo di bambini del laboratorio Emporio Solidale I CARE Viterbo, per un totale di n.88 elaborati di cui tre lavori per gruppo classe.

La commissione composta da: Maria Zadro per Ass.La Luna Nuova Onlus, Renzo Salvatori per Acli provinciale, Marina Padovan e Angela Riccobono per Orti Solidali Caritas.

 

Classe 3 A scuola San Martino

 ins.Sara Taurchini e Lucia Pagliaro

Nominata Contadina del XXI secolo: Camilla Riccio, titolo del disegno: “La Maremma amara”. La contadina ha rappresentata l’ambiente ricco di particolari e anche la produzione agricola è ricca e variegata.

Classe 4 A scuola San Martino

Ins. Marina Sostegni e Lucia Pagliaro

Nominata Contadina del XXI secolo: Olivia Noceti , titolo del disegno: “Passato e Oggi “ La contadina ha rappresentata l’ambiente con tratti grafici ben realizzati . Nel suo disegno risalta la ricchezza delle colture .Nei due  momenti, la terra è ricca e molto producente.

Classe 5 A scuola San Martino

Ins.Sara Taurchini, Catia Ruspantini e Barbara Pellegrini

La giuria ha nominato una Contadina del XXI secolo: Maria Vittoria Moretti e un Contadino del XXI secolo: Marco Filibeck  La contadina ha rappresentato l’ambiente con tratti grafici  leggeri da sembrare un sogno,  ma con un messaggio  importante: far nascere orti nel cuore della città. Il contadino ha realizzato un lavoro ricco di particolari dal punto di vista grafico con un messaggio innovativo e ben organizzato.

Classe 5 E scuola “S.Canevari”

Ins. Giuseppina Danti

Anche per questa classe, la giuria  ha nominato una Contadina del XXI secolo : Noemi Forlini   e un Contadino del XXI secolo:  Riccardo Pierini .  La contadina ha scritto un messaggio speciale per valorizzare la figura del contadino . Il disegno, curato nei particolari rappresenta il messaggio stesso. Il contadino ha realizzato un lavoro sulla vendemmia mettendo a confronto il processo lavorativo di ieri e di oggi. Anche dal punto di vista grafico, il disegno è ricco di particolari e ben realizzato .

Nota particolare, l’ins. Giuseppina Danti  ha recuperato alcune poesie del nonno materno nativo di Cellere(vt).

 FRANCO GIULIANI, presidente dell’ass.Tuscia Dialettale ha declamato ai presenti, le poesie di Gismondo Olimpieri, detto “Il poeta buono”

Classe 5 D scuola “S.Canevari”

Ins. Anna Maria Busti

 La giuria ha voluto premiare il lavoro di classe per i messaggi, frutto di riflessioni, che gli alunni hanno voluto sviluppare con tre disegni. Sono stati nominati Contadina del XXI secolo : Giorgia Rufino   e due Contadini del XXI secolo:  Leonardo Vadalà  e Matteo Pizzetti  per aver trasportato sui disegni le loro riflessioni.

Emporio Solidale I CARE Viterbo

Ins. Insogna Stefania

Tutti i bambini del laboratorio sono nominati Contadini Artisti:

i disegni sono realizzati con tecniche diverse utilizzando i colori a  tempera. Molto suggestivi gli abbinamenti dei colori. Sono stati premiati dal presidente di “Viterbo con Amore” Domenico Arruzzolo che si è complimentato con gli organizzatori dell’iniziativa e con i bambini per aver rappresentato il mondo dei contadini in diversi aspetti, dimostrando una notevole sensibilità

Inoltre, tutti i bambini delle classi premiate insieme alle insegnanti, saranno ospiti agli Orti Solidali di Santa Barbara (vt) e i nonni offriranno loro una merenda.

Classe 3 B scuola “S.Canevari”

Ins. Anna Maria Stefanini

Tutti gli alunni della classe sono nominati Contadini del XXI secolo con la seguente motivazione:

La vita che si svolge in campagna è stata rappresentata in ogni suo aspetto anche poetico. La produzione di disegni è molto ricca di particolari e presentata in modo originale.

Gli alunni e l’insegnante saranno ospiti in una Azienda Agricola.

Al termine della premiazione, il presidente di Acli Terra, Alberto Negroni, ha consegnato una targa ricordo alla Dirigente Scolastica dell’I.C. “S.Canevari” Stefania Geremicca.

 

Print Friendly, PDF & Email