Premio Pietro Calabrese 2024: Leonardo Bonucci e Altri Grandi del Mondo Sportivo e Culturale Premiati a Soriano nel Cimino

di REDAZIONE-

SORIANO NEL CIMINO (Viterbo)- A Soriano nel Cimino, il Premio Pietro Calabrese ha visto tra i suoi protagonisti il calciatore Leonardo Bonucci, originario della Tuscia, che a pochi giorni dal suo ritiro dal calcio ha rivelato: “Il mio sogno ora è quello di fare l’allenatore”. Bonucci ha espresso la sua gratitudine verso il settore giovanile dell’Inter, ricordando il suo percorso e gli sforzi fatti per emergere nel mondo del calcio.

Bonucci è stato premiato dal ministro dello Sport, Andrea Abodi, con il quale ha discusso degli Europei, evidenziando l’importanza di avere sempre più giovani italiani nei club nazionali. Bonucci ha poi indicato Alessandro Bastoni come suo erede, riconoscendo anche Alessandro Buongiorno e Riccardo Calafiori come promettenti talenti.

Oltre a Bonucci, il Premio Calabrese ha onorato altre illustri personalità come Piero Ausilio, direttore sportivo dell’Inter, Monica Guerritore, attrice e commendatrice della Repubblica, e Pinuccio Pirazzoli, chitarrista e direttore d’orchestra. Il premio alla memoria è stato conferito a Ernesto Assante, critico musicale della Repubblica, e Tommaso Maestrelli, leggendario allenatore della Lazio del 1974.

Monica Guerritore ha anticipato i suoi prossimi progetti, tra cui una serie con Carlo Verdone e un film su Anna Magnani. Ha sottolineato l’importanza del sostegno statale all’industria cinematografica, riferendosi alla Tax credit.

L’evento, giunto alla sua tredicesima edizione, ha celebrato coloro che hanno ottenuto successi significativi nel campo della cultura, dello spettacolo, dello sport e del giornalismo, contribuendo in modo significativo alla storia italiana. La cerimonia si è svolta in una gremita Piazza Vittorio Emanuele II, alla presenza del ministro Abodi e di altre illustri personalità del mondo dello sport e della cultura.

Print Friendly, PDF & Email
Condividi con:
LEGGI TUTTE LE NOTIZIE