Presentato il III Rapporto Ambiente e sicurezza di Unindustria – Inail Lazio

E’ stato presentato presso la sede romana di Unindustria, il terzo Rapporto Ambiente e Sicurezza Unindustria – Inail Lazio, realizzato in collaborazione con launindustria direzione regionale dell’Inail, con l’obiettivo ambizioso di incoraggiare, supportare e promuovere presso le imprese la cultura della sostenibilità. “I nostri obiettivi, più volte ribaditi – sottolinea Davide Papa, presidente del Comitato Ambiente e vice presidente di Unindustria – sono quelli di

volere contribuire allo sviluppo economico nel rispetto dell’ambiente e delle normative in materia di sicurezza e salute sul lavoro, di essere sempre più parte attiva del sistema territoriale, consapevoli delle responsabilità, ma soprattutto con la convinzione che questa sia la strada capace di consentire alle imprese di diventare eccellenti, maggiormente innovative e, di conseguenza, punto di riferimento per tutta la collettività”.

“La presentazione del terzo Rapporto Ambiente e Sicurezza ci ha fornito l’occasione per fare il consuntivo delle numerose iniziative portate avanti da Unindustria per accrescere i livelli di sensibilità del mondo delle imprese su due temi di assoluto rilievo, quali la sostenibilità ambientale e la sicurezza nei luoghi di lavoro – dichiara Marco Micheli, presidente Comitato Tecnico Sicurezza sul lavoro di Unindustria – E’ stato anche un proficuo momento di confronto con le ‘parti interessate’ per dibattere sulle proposte da implementare su queste due tematiche nel territorio della nostra regione”.

“Sviluppo ecosostenibile, miglioramento continuo, sicurezza sul lavoro, tutela della salute dei lavoratori, sono i valori per i quali ci battiamo da anni e per i quali ci stiamo impegnando maggiormente in questo periodo in cui l’economia è messa a dura prova dalla crisi economica che attanaglia il mondo del lavoro – dichiara Antonio Napolitano, direttore Inail Regione Lazio – Per noi è fondamentale rimettere l’uomo al centro, garantendo la sua “sicurezza” in un mondo del lavoro dove il lavoro è sempre più raro. E’ di vitale importanza per il sistema produttivo ed economico ricentrare le attività produttive sulla tradizione come l’artigianato, in quanto i lavori artigianali sono anche lavori ecosostenibili.

La grande responsabilità che siamo chiamati ad assumerci tutti, sia individualmente sia come collettività, consiste &nbs p;nel mantenere il lavoro per chi lo possiede e stimolare la nascita di opportunità per coloro che ancora non l’abbiano o l’abbiano perso: un traguardo che sarà possibile realizzare solo con un grande lavoro di squadra”.

Durante l’incontro di presentazione del terzo Rapporto Ambiente e Sicurezza Unindustria-Inail, sono stati resi noti i dati e risultati dell’indagine: hanno partecipato all’indagine 431 aziende, con un incremento del 28% rispetto a quelle della passata edizione, che hanno fornito un quadro dettagliato della relazione esistente tra le imprese ed il territorio laziale in termini di sviluppo ecosostenibile e di rispetto delle normative in materia ambientale e di sicurezza nei luoghi di lavoro, evidenziando in maniera efficace punti di forza e di debolezza di ciascun settore produttivo. Il convegno, organizzato per un confronto con le istituzioni, le imprese e le parti sociali sui temi della sicurezza nei luoghi di lavoro, ha visto i saluti introduttivi di Maurizio Stirpe, presidente di Unindustria, a cui sono seguiti gli interventi di Elisabetta Falcone, segretario Cisl Lazio, Fabio Refrigeri, assessore all’Ambiente della Regione Lazio e l’avvocato Patrizio Caligiuri per l’Assessorato al Lavoro.

Ad illustrare il Rapporto Cristian Franzini. Per i gruppi di lavoro all’interno del Comitato tecnico Sicurezza di Unindustria c’erano Romano Dalla Chiesa, Alberto Marino, Elena Modestini. Per Inail Lazio Vittoria Rossi. Le conclusioni sono state affidate a Salomone Gattegno Presidente Comitato tecnico per la Sicurezza di Confindustria.

   

Leave a Reply