Proteste nel Carcere di Mammagialla: innescato incendio con materassi e coperte

di REDAZIONE-

VITERBO- La notte scorsa, nel carcere di Mammagialla, alcuni detenuti hanno innescato un incendio che ha coinvolto materassi e coperte in un’intera sezione della struttura penitenziaria di Viterbo. I motivi alla base di questo gesto sembrano essere futili, secondo quanto riportato dal sindacato di polizia penitenziaria Fns Cisl Lazio, tramite il suo segretario generale, Massimo Costantino.

Costantino ha evidenziato che il personale è intervenuto prontamente per ripristinare la sicurezza nella sezione coinvolta, ma due agenti hanno subito lesioni a causa del fumo prodotto dall’incendio e sono stati ricoverati all’ospedale di Belcolle con prognosi rispettivamente di sette e undici giorni.

Il sindacato ha sottolineato la grave situazione del sistema penitenziario, evidenziando la carenza di personale e le frequenti aggressioni che mettono in pericolo la sicurezza degli operatori. Costantino ha dichiarato: “Le gravi e non più sostenibili criticità del sistema penitenziario continuano a evidenziarsi quotidianamente”. Ha inoltre esortato la politica e i governi ad affrontare con determinazione la questione, chiedendo nuove assunzioni per la polizia penitenziaria.

Secondo i dati del ministero della Giustizia, al 31 dicembre, il carcere di Mammagialla ospita 651 detenuti, superando di 116 unità il limite previsto e registrando una percentuale di sovraffollamento del 161%. Il sindacato ha sottolineato la necessità di compensare la carenza di personale, in particolare nel Lazio, dove si contano circa 500 carenze totali e 80 a Viterbo.

La Fns Cisl Lazio ha sottolineato la necessità di intervenire sull’organizzazione del servizio all’interno degli istituti e di apportare modifiche alle norme sull’ordinamento penitenziario e al codice penale. Infine, ha annunciato un impegno rafforzato per garantire e tutelare il personale penitenziario attraverso visite frequenti nei luoghi di lavoro e l’applicazione delle norme contrattuali.

Print Friendly, PDF & Email
Condividi con:
LEGGI TUTTE LE NOTIZIE