Questura di Viterbo. Parte in via sperimentale un nuovo permesso di soggiorno

Lunedì 16 dicembre 2013, presso l’Ufficio Immigrazione della Questura di Viterbo, prenderà il via la fase di sperimentazione per l’emissione del Permesso di Soggiorno conforme al regolamento CE n.380/2008.questura-vt Il nuovo modello di permesso di soggiorno con l’inserimento di identificatori biometrici, costituisce una tappa fondamentale verso la lotta alla falsificazione dei documenti, consentendo di creare un legame più sicuro tra il documento e il suo titolare, in ossequio al principio “una persona un documento”.

La Questura di Viterbo è stata individuata quale ufficio pilota per il progetto di sperimentazione, finalizzato a rendere conformi i permessi di soggiorno italiani ai requisiti che l’Europa richiede. In linea di massima le modifiche introdotte si possono così riassumere:

1) il nuovo permesso di soggiorno contiene in alto a sinistra il simbolo ICAO, indicante la presenza di un chip destinato a garantire maggiori standard di sicurezza dei dati anagrafici e biometrici del titolare, l’immagine del volto e due impronte digitali in esso contenute.

2) La possibilità di consentire l’accesso dei dati contenuti nel microprocessore alle Autorità di controllo su tutto il territorio dell’Unione Europea; a tal proposito è bene aggiungere che tale documento sarà utilizzato ai soli fini della identificazione del titolare e la lettura dei data sarà garantita alle sole Forze di Polizia.

3) L’acquisizione delle impronte digitali a partire dall’età di 6 anni;

4) La stampa dell’immagine del volto del titolare in bianco e nero, con l’impiego della tecnologia laser chev, che assicura elevati livelli di sicurezza contro la contraffazione.

I vecchi permessi di soggiorno manterranno la loro validità fino alla scadenza.

   

Leave a Reply