Furto in villa, arrestati un 40enne italiano e due 30enni albanesi

Viterbo- Tre giovani sono stati sorpresi in flagranza di reato di furto polizia2aggravato e tratti in arresto dalla Squadra Volante della Questura. L’episodio si è verificato nella giornata di ieri quando un privato ha segnalato alla Sala Operativa della Questura che sul proprio cellulare aveva ricevuto un segnale di allarme proveniente dalla sua abitazione.

Dal collegamento video era riuscito a vedere che tre uomini stavano rovistando all’interno della casa. Immediatamente giunti sul posto, gli uomini della Squadra Volante della Questura, dopo aver scavalcato la recinzione della villa notavano un uomo che, uscito dall’abitazione, fuggiva verso un tratto di rete perimetrale precedentemente recisa e gli intimavano di fermarsi. Lo stesso cercava comunque di fuggire, fermandosi solo dopo aver costretto gli agenti ad esplodere un colpo in aria.

Raggiunto, è stato immediatamente ammanettato. Contemporaneamente altri agenti della Squadra Volante intercettavano all’interno dell’abitazione i due complici, immediatamente bloccati mentre tentavano di darsi alla fuga. I tre, G.C., 40enne italiano, E.B., 31enne albanese e M.P., 30enne albanese, sono stati tratti in arresto per il furto di reato aggravato in concorso e su disposizione del PM di turno, trattenuti presso le camere di sicurezza della Questura in attesa di giudizio con rito direttissimo.

Dagli accertamenti eseguiti emergeva inoltre nei confronti di M.P. un ordine di carcerazione emesso dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Monza per esercizio arbitrario delle proprie ragioni. Lo stesso veniva anche denunciato per aver violato la normativa sull’immigrazione.

   

Leave a Reply