Referendum costituzionale, esposto striscione per il No a Palazzo Farnese

CAPRAROLA (Viterbo)- Questa mattina un gruppo di ragazzi e ragazze di Caprarola ha esposto uno striscione lungo sette metri sotto Palazzo Farnese per manifestare il proprio sostegno alle ragioni del NO. In contemporanea, altre persone hanno distribuito materiale per le vie del centro storico e presso il mercato in loc. La Paradisa, per sensibilizzare le persone sulla dannosità della riforma costituzionale che sarà votata il prossimo 4 dicembre.

“A nostro avviso è una riforma fatta male, non soltanto nei metodi ma anche nei contenuti. Si tende a porre il superamento del bicameralismo paritario come la panacea di tutti i mali della nostra Repubblica laddove sono la legittimazione democratica delle istituzioni e la rappresentanza ad essere veramente deboli” commentano in una nota i giovani di Caprarola per il No, che spiegano:

“Si dice che le Regioni saranno finalmente rappresentate in un Senato che più che assomigliare a quello tedesco sarà un guazzabuglio di competenze in conflitto tra loro e con lo Stato. Per non parlare del presunto rafforzamento degli strumenti di democrazia partecipativa: una pia illusione se si considera l’innalzamento delle soglie delle firme necessarie sia per i referendum abrogativi che per le leggi di iniziativa popolare. Queste dovranno essere discusse obbligatoriamente, è vero, ma tempi e modalità sono demandati ai regolamenti parlamentari, quindi alla volontà di una maggioranza politica, piuttosto che posti sotto una vera garanzia costituzionale.

Insomma, potremmo continuare all’infinito, ma oggi con un gesto simbolico abbiamo semplicemente voluto sintetizzare tutte le nostre ragioni per invitare la popolazione di Caprarola a informarsi in modo consapevole su una riforma che tutti noi riteniamo dannosa e affrettata”.

Print Friendly, PDF & Email