Ritorna ViterboFotografiaDicembre2013

Ritorna ViterboFotografiaDicembre2013. Questa seconda edizione s’arricchisce della collaborazione di importanti nomi della Fotografia Italiana: Edoardo Montaina e Giovanni Marrozzini. Le loro foto accompagneranno la collettiva del Gruppoviterbofotografica-locandina Fotografico Magazzino 120, al suo ottavo anno di attività, dal titolo intrigante “Fotografi DiVersi”. Per la prima volta a Viterbo l’eccelsa qualità dell’apprezzatissimo fotografo Edoardo Montaina, figura

di spicco della fotografia industriale e straordinario creatore di cam-pagne pubblicitarie e pubblicazioni per istituzioni pubbliche, grandi imprese e holding sia in Italia che all’estero. Montaina sa cogliere un particolare e portarlo fuori dal contesto e dal tempo, ricreando una visione nuova della realt . Le fotografie in mostra, dopo il successo riscosso a novembre a Copenaghen, propongono la discreta presenza dell’“homo faber” nel contesto di particolari che rappresentano momenti di lavoro quotidiano. Tracce silenziose di una umanità destinata a rimanere senza volto e senza nome, sempre all’opera per costruire con sacrificio e dedizione, il domani. “The delicate hints of our life”- Le tracce delicate della nostra vita- vuole restituire dignità e centralità al lavoro silenzioso di uno, cento, mille esseri. Ne racconta la storia, una storia emozionante in cui le notizie sono soltanto suggerite, sussurrate; chi guarda deve immaginare: l’opera continua oltre l’occhio dell’artista.

L’altro grande fotografo Giovanni Marrozzini, torna a Viterbo con le sue opere, dopo la grande adesione al suo recente Workshop fotografico. La fotografia di Marrozzini coniuga il concetto di reportage con quello di racconto. E lo fa con una cifra stilistico-narrativa tutta personale. Nel corso della sua carriera ha realizzato reportage forti, di denuncia, molto spesso collegati a progetti umanitari per Ong nazionali e internazionali, in Africa, Argentina, Palestina e Italia. A Viterbo ci porta in Paraguay con la mostra intitolata “Gran Via” che insegue e blocca nelle immagini la realtà dei bambini che vivono e lavorano sulla strada. Uno spaccato crudo sull’infanzia nella capitale Assunción, dove bambine e adolescenti sono costantemente sottoposti al rischio e problemi quali dipendenze da droghe, sfruttamento e abuso. “Gran Via” è anche un book fotografico edito dalla Onlus FUNIMA International che raccoglie fondi a favore dei “Niños en situación de calle“, a supporto del progetto “Hijos del Sol”, concreta alternativa alla strada per tanta parte dell’infanzia del Paraguay. Infine i fotografi del Gruppo Fotografico Magazzino 120, nella loro collettiva hanno dato immagine, volto, vita, ai “versi” tratti da liriche poetiche, romanzi, canzoni, balletti ispirati a grandi tragedie.

Un binomio tra scritto e fotografato che chiede all’osservatore di valutare quanto l’autore sia riuscito a rendere ed a comunicare con l’immagine fotografica lo stimolo ricevuto da i “Versi”. Gli autori hanno fotografato quella tela fatta di versi, immagini lette e mai dimenticate, ascoltate e rimaste tracciandone i contorni attraverso l’obiettivo così che gli occhi possano oltre che vedere ascoltare Tiromancino, Salvatore Quasimodo, Pink Floyd, Graziano Turesso, Corrado Alvaro, Thomas Stearns Eliot, Pier Paolo Pasolini, Lewis Carroll, Sergej Prokofiev che hanno ispirato i Fotografi DiVersi per questo progetto 2013.

ViterboFotografiaDicembre2013, si terrà nei giorni 13-19 dicembre 2013 presso la Sala Almadiani con orario 10.30-13.00 e 16.00-19.30; l’incontro con gli autori è previsto per sabato 14 dicembre alle ore 17.00.

   

Leave a Reply