Sanità, sbloccate le risorse per il personale ferme dal 2017

ROMA – Ieri sono state sbloccate le risorse, pari a oltre 31,5 milioni di euro, per la quota integrativa del salario accessorio a favore del personale dirigente medico, sanitario e veterinario del Servizio sanitario regionale.

L’accordo, sottoscritto dalle organizzazioni sindacali del comparto sanità, riguarda le annualità 2019, 2020, 2021, 2022 e 2023 nell’ambito dell’incremento dei fondi contrattuali per il trattamento accessorio della dirigenza sanitaria, nel rispetto della legge 205 del 2017.

Parte di questi fondi è destinata a riequilibrare le differenze salariali tra le diverse aziende.

Si tratta di un provvedimento a sostegno della valorizzazione del personale sanitario, a partire dalle prestazioni aggiuntive per i dirigenti di Medicina d’Emergenza e urgenza operanti nei pronto soccorso degli ospedali del Lazio, a conferma del dialogo cordiale e produttivo tra la Regione Lazio e le organizzazioni sindacali.

Print Friendly, PDF & Email
Condividi con:
LEGGI TUTTE LE NOTIZIE