Università Unimarconi

Santa Rosa 2024, sta prendendo corpo Dies Natalis in piazza del Comune per la prova traliccio (VIDEO)

di GIUSEPPE INTAGLIATA-

VITERBO- Grande emozione per la nuova macchina di Santa Rosa Dies Natalis. Questa mattina la ditta Fiorillo sta assemblando parte di quello che sarà la nuova macchina di Santa Rosa “Dies natalis” per essere pronti domattina alle ore 6, per la prova traliccio, un importante appuntamento  per tutte le nuove macchine, per verificare molte cose, soprattutto l’ampiezza della struttura rispetto al passaggio più complicato, quello lungo via del Corso. Saranno presenti, quindi, sul traliccio alcune delle allegorie che comporranno “Dies natalis” e che da questa mattina la ditta Fiorillo sta assemblando. La prova di domattina partirà, infatti, da piazza del Comune per seguire via del Corso fino ad arrivare a piazza del Teatro, dove poi verrà smontato il tutto e riportato ai capannoni Fiorillo sulla Tuscanese.

Una delle novità di quest’anno è proprio il traliccio in alluminio della Macchina, quindi, non il classico in ferro, ma in alluminio, che richiede una lavorazione più complessa con saldature diverse e maggiori accortezze. La scelta dell’alluminio è stata fatta proprio per una questione di peso, visto che Dies Natalis ha molte allegorie e, quindi, non sarebbe rientrata dentro i 50 quintali circa richiesti.  Il traliccio d’alluminio si compone in tutto di 5 parti. Ma oltre che per il materiale di cui è composto, il traliccio, rispetto alle altre macchine, cambia anche per la forma, visto che quello di “Gloria” era triangolare, mentre questo parte da quattro colonne e poi all’interno è vuoto perché deve ospitare Santa Rosa distesa.

Per quanto riguarda, invece, le allegorie sono state realizzate al computer da un blocco di polistirolo eps, che è  più denso di quello commerciale da imballaggi. Questo particolare polistirolo viene poi rivestito con la poliurea, per fornire più durezza alle statue.

Alla base abbiamo, infine, i candelabri, tutti in alluminio, che dalla base salgono fino alla fine della struttura. In tutto sono 304. Per la prova traliccio la ditta Fiorillo sta assemblando le allegorie più esterne proprio per verificare l’ampiezza in Corso Italia, visto che il rischio è che queste possano  strusciare ai lati della strada con i balconi. Si partirà intorno alle ore 6 e si faranno tre soste: a piazza delle Erbe, davanti alla chiesa del Suffragio e davanti quella di Sant’Egidio. Verrà quindi verificato il nuovo traliccio per intero sia per la prova statica che dinamica, il tutto per verificare la distribuzione del peso e le eventuali accollate con i facchini sotto la struttura.

Foto e video di Mariella Zadro

 

 

Print Friendly, PDF & Email
Condividi con:
LEGGI TUTTE LE NOTIZIE