Sberna (Fdi): “Dati Istat dimostrano buon lavoro del governo Meloni”

“Il rapporto annuale 2024 dell’Istat certifica l’ottimo lavoro del Governo Meloni dimostrando come la crescita sia nei numeri e non nella propaganda”. E’ quanto dichiara in una nota la candidata di Fratelli d’Italia alle europee dell’8 e 9 giugno nel collegio dell’Italia centrale Antonella Sberna.già assessore ai Servizi sociali, alle politiche giovanili e della famiglia, ai rapporti con l’Unione europea e l’Università del Comune di Viterbo.

“Il Pil è in crescita in tutti i settori persino meglio di Francia e Germania – prosegue Sberna – mentre l’azione del governo ha inciso positivamente sull’occupazione, sulla produttività
delle imprese, sul potere d’acquisto delle famiglie, sull’aumento dei salari, contrariamente alla propaganda delle opposizioni che hanno tentato di far credere che con il centrodestra
al governo l’economia italiana sarebbe colata a picco e la disoccupazione sarebbe aumentata. In realtà così non è stato, i dati lo dimostrano e inoltre il nostro governo si è rivelato serio ed affidabile anche nei confronti dell’Europa riuscendo a contenere il debito
pubblico e a mantenere i conti in ordine. Forti di questi risultati ci presenteremo in Europa a testa alta e con la prospettiva di contribuire a modificare quelle politiche che fino ad oggi
hanno penalizzato i Paesi membri per dare nuovo slancio allo sviluppo. L’Europa dovrà tornare ad essere la Patria delle opportunità e degli investimenti, non dei lacci burocratici e delle occasioni mancate”.

“I risultati conseguiti dal governo Meloni – aggiunge – dimostrano che si può
tranquillamente coniugare la tenuta dei conti pubblici con le politiche per la crescita. Con questo spirito quindi punteremo a migliorare il Patto di Stabilità e di Crescita nell’ottica di
una maggiore flessibilità e soprattutto cambiando l’impostazione fin qui adottata in materia di gestione e contenimento del debito pubblico, favorendo e incentivando la spesa per gli investimenti che producono crescita, ricchezza e lavoro. Non è con i sussidi a pioggia che si può pensare di far ripartire l’economia e aumentare il potere d’acquisto delle famiglie, ma creando le condizioni perché il tessuto economico e produttivo torni a generare
ricchezza e soprattutto occupazione: è il lavoro che dà dignità e favorisce di
conseguenza anche la ripresa demografica. Un circolo virtuoso che il governo Meloni è riuscito a rimettere in moto e che, con un approccio più innovativo e collaborativo da parte
delle istituzioni europee, potrà continuare a produrre risultati positivi”.

Print Friendly, PDF & Email
Condividi con:
LEGGI TUTTE LE NOTIZIE