Segnala tetto in amianto, ma nessuno interviene

TARQUINIA (Viterbo) – Riceviamo da Barbara Pepponi e pubblichiamo. Ho scritto 2 volte alla ASL di Tarquinia per segnalare un casolare abbandonato con tetto in Eternit rotto e sfaldato in più punti in una zona adiacente al Luna Park (e a casa mia).

La ASL di Viterbo per ben due volte ha inoltrato la lettera al sindaco Mazzola dichiarandosi impotente davanti alla proprietà privata! Il risultato è che il tetto resta lì e ci avvelena giorno per giorno.
Segnalo inoltre che ci sono grandi quantità di Eternit in uno stato di conservazione pericolosissimo per la salute alle Saline: si tratta del tetto dello stabilimento di produzione infondo al villaggio e di altra struttura che è situata nel percorso dell’area protetta che viene aperta una volta al mese.

Questo terribile veleno si somma a quelli della centrale di Civitavecchia, e se nessuno fa niente l’Eternit sfaldandosi nel tempo diventa sempre più pericoloso.

Ma se le nostre autorità sanitarie, politiche e amministrative si dichiarano impotenti o tacciono addirittura a chi possiamo ricorrere per tutelare la nostra salute?

Print Friendly, PDF & Email