Università Unimarconi

Sempre più vicino a Peppino Impastato (VIDEO)

di MARIELLA ZADRO-

VITERBO- Era il 9 maggio 1978 quando Peppino Impastato, giornalista e attivista siciliano, veniva ucciso. L’Associazione “Solidarietà Cittadina” per ricordare questo tragico fatto di cronaca, oggi 9 maggio 2024 ha organizzato un incontro pubblico, presso il Parco Robinson di via Alessandro Volta in Viterbo a lui dedicato, ed a tutte le vittime della mafia.
Maria Immordino presidente dell’Associazione, ha accolto la sindaca Chiara Frontini, i consiglieri Alessandra Croci, Francesca Sanna e Paolo Moricoli, l’assessore Elena Angiani e Massimo Erbetti coordinatore territoriale M5s.
Inoltre, Mirko Giuggiolini per l’associazione ANPI di Viterbo, Loredana Fralleone, segretaria nazionale di Rifondazione, Marta Nori presidente associazione Kyanos, e molti componenti dell’associazione organizzatrice.
“Se si insegnasse la bellezza alla gente, la si fornirebbe di un’arma contro la rassegnazione, la paura e l’omertà”
Questo il pensiero di Impastato, che come hanno detto Maria Immordino e Valeria Brucola, la sua testimonianza a distanza di 46 anni è ancora oggi un esempio di coraggio, per chi non rinuncia a parlare, lottare, denunciare crimini, affari e connivenza.
“Grazie all’associazione, per aver ricordato questa giornata, ha commentato la sindaca Frontini, per diffondere, sensibilizzare e nutrire messaggi importanti di memoria, di cittadinanza e di legalità. “Legalità” che non deve essere una parola che viene sciorinata in diverse ricorrenze, ma un valore da praticare ogni giorno”.

 

 

Print Friendly, PDF & Email
Condividi con:
LEGGI TUTTE LE NOTIZIE