Smart City: dopo il fotovoltaico da 80 kW a Civita anche l’audit della pubblica illuminazione

civita castellanaCivita Castellana si candida sempre di più a diventare una “Smart City”. Dopo la realizzazione degli impianti fotovoltaici sulle scuole, per una produzione totale di 80 kW, il Comune di Civita Castellana ha infatti realizzato l’audit energetico: ha censito tutto il sistema della pubblica illuminazione ottenendo per questo un contributo di circa 84.000 euro dalla Regione Lazio.

Con questo passo si sono gettate le basi per informatizzare l’intero impianto di illuminazione pubblica, garantendone la gestione a distanza e la tempestività negli interventi. “Dopo tre anni di lavoro finalmente viene premiata la volontà dell’Amministrazione comunale di procedere con la rivoluzione del sistema di gestione e manutenzione della pubblica illuminazione – ha dichiarato l’assessore ai Lavori Pubblici e all’Urbanistica, Gianluca Cerri – con l’obiettivo di migliorare il servizio e conseguire un risparmio energetico ed economico. Anche in seguito al mandato del Consiglio Comunale, adesso ci attiveremo con le procedure di selezione di un gestore e manutentore del servizio, con l’obiettivo di rendere più moderni, e quindi più efficienti, e mettere in sicurezza i circa 1900 punti luce comunali. E’ un importante passo avanti verso l’ammodernamento del sistema di gestione, che dovrà essere completamente informatizzato e tele gestito, evitando così i frequenti problemi legati al controllo visivo dei lampioni stradali”.

Per realizzare l’audit energetico ognuno dei quasi 1.900 punti luce sparsi sul territorio comunale è stato controllato e il comune ha stilato un piano per rendere l’intero sistema più efficiente e meno dispendioso di energia, e quindi di risorse economiche. Questo lavoro certosino ha permesso al Comune di Civita Castellana di partecipare ad un bando regionale ed attingere fondi da esso. La Regione Lazio infatti, con Determinazione A06213 del 30.07.2013 ha approvato l’audit del comune di Civita Castellana, concedendo un contributo di 83.943,81€, ripartito in tre anni, per l’attuazione dei processi di risparmio energetico e di efficientamento della pubblica illuminazione.

   

Leave a Reply