Standing ovation ai due Maestri Ilja Grubert e Sandro De Palma al Festival “I Bemolli sono blu”

VITERBO – Al concerto di ieri, per violino e pianoforte dal titolo “All’ombra delle fanciulle in fiore-La musica in Francia nell’età di Proust”,  tutti in piedi a rendere omaggio con gli applausi ai due Maestri Ilja Grubert e Sandro De Palma per l’esecuzione perfetta, il pathos e la simbiosi creata con la grande musica. Un successo strepitoso che il Festival “I Bemolli sono Blu-Viterbo in Musica “ ancora una volta annovera tra il ricco programma di questa sesta edizione che si svolge nella chiesa di San Silvestro in piazza del Gesù, dal 24 settembre al 12 novembre 2022.

Fantastici i Due Improvvisi per pianoforte ‘Eau dormante’ (Lent et calme) e ‘Eau courante’ (Vite) di Jules Massenet (1842-1912) eseguiti dal maestro Sandro De Palma con un movimento continuo della mano destra che esprimeva l’acqua zampillante, mentre la mano sinistra sprofondava in un registro grave sino a che le due mani si sono poi ritrovate in un flusso unico che si è avvolto su se stesso prima di esaurirsi. Applausi a non finire al Maestro anche le successive esecuzioni per pianoforte e musiche di Erik Satie (1866 – 1925), Claude Debussy (1862-1918) e Gabriel Fauré (1845-1924).

Straordinaria e irripetibile però è stata la seconda parte della serata che ha visto con la ‘Sonata in la maggiore per violino e pianoforte’ di Cèsar Franck (1822-1890), di cui ricorrono i duecento anni dalla nascita, l’eccellente esecuzione e interpretazione dei due Maestri Ilja Grubert e Sandro De Palma, ritrovatasi in questo festival a suonare insieme la stessa musica dopo venti anni. Un’emozione che ha unito tutto il pubblico in piedi ad applaudire e a chiedere a gran voce almeno un bis. Commosso da tanto calore, il maestro Ilja Grubert ha promesso che tornerà a suonare a Viterbo, città piena di storia e bellezza.

L’iniziativa è inserita nell’Almanacco degli investimenti culturali del Comune di Viterbo.
Il programma è consultabile sul sito www.associazioneclementi.org e sui canali istituzionali del Comune di Viterbo.

 

Print Friendly, PDF & Email