Università Unimarconi

Stella al Merito del Lavoro anno 2025: proposte di candidature – Informativa

VITERBO – Come ogni anno, il giorno 1° maggio, festa del lavoro, si rinnovano le cerimonie per la consegna della “Stella al merito del lavoro” ai soggetti insigniti, così come previsto dalla legge 5 febbraio 1992, n. 143.

La decorazione della “Stella al merito del lavoro”, istituita con il regio decreto 30 dicembre 1923, n 3167, è concessa ai lavoratori e alle lavoratrici dipendenti da imprese pubbliche e private, anche se soci di imprese cooperative, da aziende o stabilimenti dello Stato, delle regione, delle province, dei comuni e degli enti pubblici, nonché ai lavoratori ed alle lavoratrici dipendenti da organizzazioni sindacali dei lavoratori e dei datori di lavoro e dalle associazioni legalmente riconosciute a livello nazionale, che abbiano almeno uno dei seguenti titoli:

  1. si siano particolarmente distinti per singolari meriti di perizia, laboriosità e di buona condotta morale;
  2. abbiano con invenzioni o innovazioni nel campo tecnico e produttivo migliorato l’efficienza degli strumenti, delle macchine e dei metodi di lavorazione;
  3. abbiano contribuito in modo originale al perfezionamento delle misure di sicurezza del lavoro;
  4. si siano prodigati per istituire e preparare le nuove generazioni nell’attività professionale.

L’istruttoria delle proposte di conferimento di detta onorificenza per la selezione dei canditati meritevoli è curata dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali.

Le proposte di candidatura per l’anno 2025, fermo restando l’osservanza dei requisiti previsti dalla suddetta legge 05 febbraio 1992, possono essere inoltrate, seguendo le modalità già in uso, dalle aziende, dalle organizzazioni sindacali ed assistenziali o direttamente dai lavoratori interessati, alle Direzioni Interregionali del Lavoro e agli Ispettorati Territoriali del Lavoro aventi sedi nei capoluogo di Regione diversi da quelli su cui insistono gli ITL, entro e non oltre il termine tassativo del 30 settembre 2024.

Print Friendly, PDF & Email
Condividi con:
LEGGI TUTTE LE NOTIZIE