Stimigliano, i Carabinieri della locale stazione denunciano madre e figlio per spaccio di stupefacenti

STIMIGLIANO- Si comunica, ai fini dell’esercizio del diritto di cronaca costituzionalmente garantito e nel rispetto dei diritti dell’indagato (che, in considerazione dell’attuale fase di indagini preliminari, è da presumersi innocente fino alla sentenza irrevocabile che ne accerti la colpevolezza) che, nei giorni scorsi i Carabinieri della Stazione di Stimigliano hanno denunciato due persone, madre e figlio, per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.
I militari, unitamente ai colleghi della Compagnia di Poggio Mirteto, da diversi giorni, erano impegnati in servizi d’osservazione, volti a verificare informazioni su potenziale spaccio di marijuana nella zona di Stimigliano Scalo. Nel volgere di pochi giorni, sono riusciti ad individuare, in un diciassettenne della Bassa Sabina e in sua madre, insospettabili e incensurati, i principali artefici dell’attività di spaccio.
La perquisizione domiciliare, disposta dall’A.G., ha consentito di rinvenire nell’abitazione dei due, 3,5 grammi di marijuana. La donna e suo figlio sono stati denunciati in stato di libertà, rispettivamente a questa Procura della Repubblica e alla Procura della Repubblica presso il Tribunale per i Minorenni di Roma, per detenzione e spaccio di sostanza stupefacenti.
Nel procedimento penale instauratosi nei loro confronti, la sussistenza della responsabilità penale sarà accertata dal Giudice.

Print Friendly, PDF & Email