Tra psichedelia e garage rock i “The Underground Youth” conquistano il Glitter Caffè

UndergroundYouthIl tour italiano dei The Underground Youth ha fatto tappa a Viterbo con un’emozionante esibizione dal vivo presso il Glitter Caffè.

 

Ad aprire la serata i locali Easter Before Christmas che con la loro personale e particolare elaborazione del concetto musicale di “Prunk”, scaldano l’atmosfera per la performance della band inglese.

 

Tra Psichedelia e Garage Rock, l’eclettica band inglese raccoglie e fa proprie istanze musicali diverse, dai Velvet Underground a Bob Dylan, ai The Jesus and Mary Chains, con influenze l post-punk e del rock psichedelico e propone un messaggio artistico – musicale particolarissimo. Messaggio che, nel contesto dell’esibizione dal vivo, risulta amplificato e in grado di toccare anche l’ascoltatore meno attento  e di emozionare profondamente chi ama perdersi in quelle sonorità tanto  psichedeliche  e  folk  quanto garage  e new wave.

Il trio di Craig Dyer, Olya Dyer e Daria Xenofontova con David Mapson alla chitarra ha proposto al numeroso pubblico di Viterbo una scaletta che ha unito una panoramica di A Perfect Enemy for God, ultimo LP della band,  a pezzi meno recenti.

 

Ieri sera sono riusciti a creare un’atmosfera onirica e distorta con sonorità oscure dall’effetto quasi ipnotico per il pubblico viterbese, coinvolto e convinto dall’energia cupa e a tratti indolente del gruppo di Manchester. UndergroundYouth2

 

Ma oltre all’eccellente prova dei musicisti – non solo i The Underground Youth, ma anche i locali Easter Before Christmas – va sottolineata la risposta del pubblico che mostra un rinnovato interesse per la musica live a Viterbo e una viva curiosità per proposte musicali meno inflazionate e più underground.

“Vedere così tante persone venire e lasciarsi coinvolgere dal Live e toccare con mano i legami che a livello umano riesce a creare la musica è la migliore gratifica per i propri sforzi” – Questo il commento a caldo di Mvm Concerti che ha organizzato la serata avvalendosi in primis della fondamentale collaborazione del gruppo di Allimprovviso, oltre che di quella dei partner Backstage Academy e Radio Freedom Mind.

 

(foto di Chiara Ernandes)

   

Leave a Reply