Trasferta della Fanfara Bersaglieri di Viterbo a Tokyo

Sabato 16 Novembre la Fanfara Bersaglieri in congedo della Sezione di Viterbo, partirà alla volta di Tokyo ( Giappone ). E’ stata invitata a partecipare allaFanfara-a-Pescia-Romana-Ridotta celebrazione della giornata delle “ Forze Armate “. La cosa non può che farci piacere e onorarci, in quanto portare il nome di Viterbo in un paese cosi lontano non è cosa di tutti i giorni. Sono previsti due Concerti; il primo

nel pomeriggio di Lunedì 18 Novembre alla presenza del popolo giapponese, mentre il secondo Martedì 19, la Fanfara si esibirà presso la sala “ Umberto Agnelli “ alla presenza dell’ Ambasciatore d’Italia Dott. Domenico Giorgi, del Direttore dell’ Istituto Italiano di Cultura Prof. Giorgio Amitrano oltre alle Autorità Militari nelle persone del Gen. B. Domenico Pace e del Mar. Capo Marco Lupi e altre personalità locali. Si tratta di un evento Bersaglieri-a-Vasanello-ridottaa valenza internazionale nel quale cercheremo di portare in “ alto “ il nome di Viterbo. Una nota di sconforto per non dire di disappunto, viene sollevata dal disinteresse manifestato verso questa iniziativa dalle Amministrazioni locali ( Provincia e Comune ) che pur adeguatamente informate e sollecitate nella richiesta di contribuire alla partecipazione della Fanfara Bersaglieri all’ evento, ad oggi non hanno fornito supporto di alcun genere. Il Comune attraverso la Segreteria dell ‘Assessorato alla Cultura ha dato la disponibilità di fornire al più 2 “ Targhe “ nonostante le promesse, fatte inizialmente, prevedessero un contributo vero e proprio. Mentre nessuna risposta è pervenuta dalla Provincia. Forse i nostri amministratori non si rendono conto che sono le Associazioni come la nostra che, seppur con fatica e impegno continuo, cercano di portare avanti quei valori morali e umanitari che pian piano Foto-per-calendariosi stanno perdendo. Saremo a Tokyo con o senza il loro sostegno e insieme alle nostre squillanti note porteremo là il Tricolore e i colori di Viterbo.

   

Leave a Reply