Turismo d’Italia

di VINCENZO CENITI-

CONFINDUSTRIA. CI SALVA IL TURISMO Il turismo sta salvando l’economia italiana. Secondo agi.it la spesa dei viaggiatori stranieri ha azzerato le distanze con il pre Covid, con un calo ridotto all’ 0,9% rispetto al -21% di aprile. Ma la maggiore spesa per i servizi ha trainato i consumi. Insomma, la crescita del turismo è stata in grado di sostenere anche altre parti dell’industria. L’importante riconoscimento arriva da Confindustria.
“Il resto dell’economia – si legge in una nota della Confederazione – ha registrato performance nettamente inferiori rispetto a quelle del turismo, che ha manifestato la capacità di cogliere le opportunità della ripresa in maniera più decisa.

CAPITALE ITALIANA DELLA CULTURA PER IL GIUBILEO Ecco l’elenco delle 15 località che hanno presentato la domanda per il 2025, anno giubilare, con il relativo titolo del dossier, per il concorso “Capitale italiana della Cultura 2025: 1) Agrigento – Il sé, l’altro e la natura. Relazioni e trasformazioni culturali; 2) Aosta – Aostæ Città Plurale; 3) Assisi (Perugia) – Assisi. Creature e creatori; 4) Asti – Dove si coltiva la cultura; 5) Bagnoregio (Viterbo) – Essere Ponti; 6) Città Metropolitana di Reggio Calabria – Locride 2025. Tutta un’altra storia; 7) Enna – Enna 2025. Il mito nel cuore; 8) Monte Sant’Angelo (Foggia) – Monte Sant’Angelo 2025: un Monte in cammino; 9) Orvieto (Terni) – Meta meraviglia la cultura che sconfina; 10) Otranto (Lecce) – Otranto 2025. Mosaico di Culture; 11) Peccioli (Pisa) – Valdera ora – L’arte di vivere insieme; 12) Pescina (L’Aquila) – La cultura non spopola; 13) Roccasecca (Frosinone) – Vocazioni. La cultura e la ricerca della felicità; 14) Spoleto (Perugia) – La cultura genera energia; 15) Sulmona (L’Aquila) – Cultura è metamorfosi. Le località partecipanti dovranno ora presentare il loro progetto che sarà sottoposto alla valutazione di una commissione di sette esperti di chiara fama nella gestione dei beni culturali. La città vincitrice, grazie anche al contributo statale di un milione di euro, potrà mettere in mostra, per un anno, i propri caratteri originali e i fattori che ne determinano lo sviluppo culturale, inteso come motore di crescita dell’intera comunità.

CAFFE’ STORICI L’Associazione Locali Storici d’Italia promuove come ogni anno la “Giornata” nazionale che si terrà sabato 1° ottobre. Oggi di questi “monumenti”- che resistono con determinazione e spirito di sopravvivenza nonostante le numerose difficoltà gestionali – se ne contano in Italia oltre 200 in 15 regioni. Per la “Giornata” sono in programma un’ottantina di appuntamenti in alberghi, ristoranti, pasticcerie, confetterie, caffè letterari e fiaschetterie. I Locali storici d’Italia, tutelati e valorizzati da oltre 45 anni dall’omonima Associazione, devono avere almeno 70 anni di storia e conservare ambienti e arredi originali (o comunque che testimonino le origini del locale), ma anche presentare cimeli, ricordi e documentazione storica sugli avvenimenti e sulle frequentazioni illustri. La “Giornata” si avvale del sostegno delle stesse aziende associate e di Birra Forst, Lavazza, Acqua Minerale San Benedetto e Select.

ENIT. IN PIEMONTE IL THE WORLD’S 50 BEST RESTAURANTS 2024 Italia in pole position con il Piemonte e Torino per l’edizione 2024 di “The World’s 50 Best Restaurants”, l’evento che premia i 50 ristoranti migliori al mondo. Molto del merito va all’Enit che con il ministero del Turismo ha svolto un lavoro diplomatico di grande efficacia. “L’evento – ha commentato l’ad Enit Roberta Garibaldi – rafforzerà sul lungo periodo il ruolo della cucina italiana nel mondo e l’identità e la riconoscibilità della Penisola a livello internazionale”.

SICILIA. PROROGATO IL TERMINE PER IL CODICE DELLA RICETTIVITA’ C’è tempo fino al 31 ottobre 2022 per chiedere il Cir (Codice identificativo regionale), delle attività ricettive e delle locazioni brevi a fini turistici della Sicilia. Lo ha disposto il Dipartimento regionale del Turismo attraverso una circolare inviata alle città metropolitane, ai liberi consorzi comunali e ai singolo comuni. La scadenza, originariamente fissata al 30 settembre, è stata prorogata per le richieste di una tempistica meno stringente e per semplificare la procedura a carico degli utenti., Il procedimento di iscrizione e richiesta del Cir sulla piattaforma on line Turist@t (https://osservatorioturistico.regione.sicilia.it) verrà reso più agile per le “locazioni brevi a fini turistici”: l’attuale modulo “Comunicazione di offerta di ospitalità” sarà infatti sostituito da un’autocertificazione contenente i dati identificativi del richiedente e dell’immobile in affitto, che dovranno essere comunicati via Pec al Dipartimento mediante l’apposito modulo, disponibile in una sezione dedicata del portale a partire dal 3 ottobre. Resta fermo l’obbligo di comunicazione dell’offerta di ospitalità ai comuni territorialmente competenti, secondo la modulistica appronta da ciascun Ente locale.

BONUS IMU PER IMMOBILI TURISTICI L’Agenzia delle Entrate ha definito i criteri e le modalità per accedere al bonus Imu, il credito d’imposta sulla seconda rata 2021 degli immobili in cui si gestisce l’attività turistica. Il bonus Imu per il turismo è destinato alle imprese turistico-ricettive, gli agriturismi, le imprese che gestiscono strutture ricettive all’aria aperta, le imprese del comparto fieristico e congressuale e i complessi termali e i parchi tematici, compresi i parchi acquatici e faunistici. Il credito di imposta è pari al 50% dell’importo versato a titolo di seconda rata dell’anno 2021 dell’Imu, dell’imposta immobiliare semplice della provincia autonoma di Trento e dell’imposta municipale immobiliare della provincia autonoma di Bolzano, per gli immobili rientranti nella categoria catastale D/2 nei quali è gestita l’attività turistico ricettiva. Nei casi di crediti d’imposta superiori a 150mila euro, i crediti saranno fruibili in seguito alle verifiche previste dal Codice delle leggi antimafia. Per fruire del bonus i proprietari delle imprese devono essere anche i gestori delle attività esercitate. Inoltre, i contribuenti devono aver subito una diminuzione del fatturato o dei corrispettivi nel secondo trimestre del 2021 di almeno il 50% rispetto al secondo trimestre del 2019. Per ottenere l’agevolazione occorrerà comunicare alle Entrate, tramite i canali telematici dell’Agenzia, un’autodichiarazione attestante il possesso dei requisiti e il rispetto delle condizioni previsti dalla Comunicazione della Commissione europea “Temporary Framework”. L’autodichiarazione andrà inviata utilizzando il modello approvato dall’Agenzia delle Entrate mediante i canali telematici della stessa, direttamente dal contribuente oppure da un intermediario abilitato dal 28 settembre 2022 al 28 febbraio 2023. Entro 5 giorni dall’invio, l’Agenzia rilascerà una ricevuta di presa in carico o ne comunicherà lo scarto, indicandone le motivazioni. Entro 10 giorni dall’invio, invece, l’Agenzia rilascerà una seconda ricevuta per comunicare ai richiedenti il riconoscimento – o il mancato riconoscimento – del credito d’imposta. Una volta ricevuto l’ok, a partire dal giorno successivo il contribuente potrà utilizzare il credito d’imposta in compensazione tramite il modello F24.

TRAVELEXPO. OK LA BORSA GLOBALE DEI TURISMI Travelexpo Borsa Globale dei Turismi ha chiuso i battenti domenica scorsa a Terrasini (Palermo) con un appello ai futuri presidenti della regione e dell’assemblea siciliana “Inserire il turismo tra gli obiettivi strategici dei primi cento giorni di governo”. Il documento è stato commentato nella cerimonia di apertura. Vivaci e serrati i due focus su trasporto aereo e crociere, nonché il seminario “Turismo azzurro” sull’incontro tra le Strade del Tonno Rosso e le Strade del Vino e la proclamazione di città del turismo azzurro per uno dei borghi marinari siciliani. Proficui i B2B tra le agenzie di viaggio siciliane e i vari operatori turistici, con alcuni enti ed istituzioni del turismo estero, cinque catene alberghiere; otto tour operators; vettori marittimi ed aerei ed alcuni fornitori di servizi. In totale 30 buyer internazionali tra cui russi ed ucraini, e 20 giornalisti a cui è stato presentato il progetto “Special Guest” su alcuni pacchetti turistici che, rispetto alle normali condizioni di vendita, riserveranno benefit dedicati a quei turisti e/o viaggiatori che sceglieranno la Sicilia come destinazione da novembre 2022 ad aprile 2023.

TTG TRAVEL EXPERIENCE Dal 12 al 14 ottobre si terrà nei padiglioni di Rimini Fiera, per iniziativa di Italian Exhibition Group,.il TTG Travel Experience, evento b2b dedicato a tutta l’industria del turismo. . L’appuntamento è in contemporanea con SIA Hospitality Design e SUN Beach&Outdoor Style. Per gli accrediti, accedere al sito TTG Travel Experience dove sono disponibili le modalità necessarie per la registrazione e le informazioni su espositori, programma degli eventi e logistica.

QUOTA CENTO PER L’ARENA DI VERONA Arena di Verona pronta per la centesima stagione lirica che si festeggerà il prossimo anno con un nuovo allestimento di Aida (serata inaugurale il 23 giugno 2023) oltre a Carmen. Il Barbiere di Siviglia, Rigoletto, la Traviata, Nabucco, Tosca e Madama Butterfly. Biglietti già in vendita: sito web www.arena.it, attraverso il circuito TicketOne e i canali social Facebook – Twitter – Instagram – YouTube. Chiusa intanto la stagione 2022 (Aida, Carmen, La Traviata, Nabucco, Turandot, Carmina Burana, Gala Domingo, Roberto Bolle) con numeri da primato: 46 serate, oltre 342mila spettatori di 114 Paesi di tutto il mondo, circa 26milioni e 500mila euro di incasso (come il 2019 ma con 5 serate in meno), 120 artisti comparsi in cartellone (45 debuttanti), 7 spettacoli ripresi in Tv con telecamere nazionali ed estere trasmessi su rubriche televisive presentate in Italia da Luca Zingaretti, record di presenze nella serata-evento del 12 agosto (Carmina Burana) con oltre 10mila spettatori. Inoltre, 232 testate accreditate e seconda edizione del progetto di fundraising “67 Colonne per l’Arena di Verona”, che ha superato i risultati del 2021 creando già una lista d’attesa per il 2023. Cecilia Gasdia Soprintendente e Direttore artistico della Fondazione Arena di Verona “L’Opera in Arena è una magia irripetibile” Non solo – aggiungiamo noi – ma è un pilastro portante di quel made in Italy che ci invidia tutto il mondo.

ROMA CAPUT DEL TURISMO LUXURY Ben tornati a Roma turisti stranieri amanti del lusso: americani, arabi, coreani, cinesi. Tutta gente che può spendere in media fino a 500 euro in più rispetto agli altri in shopping, ristoranti e divertimenti. Le valutazioni sono del vice presidente della Federalberghi capitolina e suonano di buon auspicio, anche se molti degli incassi saranno assorbiti dal caro bollette. Riguardo a settembre si parla di una occupazione media delle camere di lusso di poco meno il 90% e i volumi sembrano confermati anche nei prossimi mesi. A dare una spinta (si legge in un resoconto su Il Messaggero), sono soprattutto i turisti del nord America che tra l’altro sanno dove rivolgersi a livello di ristoranti, bar e boutique. Da parte sua l’aeroporto di Fiumicino è in testa alle classifiche per i servizi, sia in volo che a terra. Bene anche la concertistica (come fa rilevare l’assessore al Turismo della Capitale Alessandro Onorato) con notevoli incrementi nella vendita dei biglietti. Ritorna anche l’alta moda (altra eccellenza del made in Italy), come Valentino che ha sfilato a piazza di Spagna.

Print Friendly, PDF & Email