Turismo d’Italia

di VINCENZO CENITI-

ROMA EXPO 2030. SPRINT  FINALE Gruppo Italia unito a tirare la volata in vista del traguardo Roma Expo 2030 di fine novembre. In testa Governo, regione Lazio,  Fondazione Expo Roma,  imprenditori (Unindustria, Cna, Coldiretti Roma, Confcommercio Roma, Federlazio, Ance, Roma-Acer e Confesrcenti), istituzioni a vari livelli, stampa e assist esterni da parte di vari Paesi europei. Gli avversari sono Busan Corea del Sud e Riad Arabia Saudita. I vantaggi sarebbero enormi, non solo per la Capitale ma per tutta l’Italia: 50 miliardi di ritorno economico (a fronte dei 10 di investimento), 11mila nuove imprese e 300mila posti di lavoro.

 BAVENO. TURISMO IMPEGNO NAZIONALE  Il Forum sul Turismo conclusosi la settimana scorsa a Baveno ci ricorda la prima Conferenza Nazionale del Turismo convocata al Palazzo dei Congressi di Roma nel 1966 dall’allora ministro per il Turismo Achille Corona sul tema “Turismo impegno nazionale” di fronte ad una nutrita platea di politici e operatori a vari livelli guidati dal presidente del Consiglio Aldo Moro, il ministro della Difesa Giulio Andreotti e il ministro del Tesoro Emilio Colombo.  Il tema e gli obiettivi sono gli stessi di quelli di Baveno, cioè mettere il Turismo al centro della politica nazionale  Si è riusciti nell’intento in tutti questi anni? Oggi a distanza di oltre mezzo secolo siamo ancora qui a sostenere la centralità del turismo (13% del Pil nazionale) nel sistema economico nazionale. Stavolta forse con maggiore convinzione grazie al lavoro del ministro Daniela Santanchè cui vanno riconosciute voglia di fare, concretezza e rapidità nel decidere  per assicurare al comparto la giusta attenzione. “Il forum – ha ribadito a Baveno – ha come obiettivo quello di creare una grande squadra, tra ministero, assessori regionali, enti locali, stakeholder, imprenditori, perché tutti insieme dobbiamo vincere questa sfida che ci deve vedere protagonisti  … Non basta avere un ministero con portafoglio, ma bisogna avere lo stesso sentire, e solo un governo politico e coeso può mettere insieme tutto questo. È stato un cambiamento importante rispetto alla passata legislatura”. Gli argomenti discussi nei due giorni del Forum dimostrano  che il turismo interessa ogni ramo della compagine governativa nessuno escluso. Oggi gli interlocutori sono diversi (vedi le Regioni) più agguerriti e più qualificati. E’ un buon viatico per farcela

 BALNEARI. DECISIONE  RINVIATA  A GENNAIO  2024 L’Italia ha due mesi di tempo (entro il 16 gennaio) per evitare la maxi-multa Ue e per rispondere ed adeguarsi alla missiva della Commissione Europea  riguardo alla violazione della direttiva e dei Trattati in funzione dell’Ue in tema di concessioni balneari. “La nostra preferenza – si legge in una nota Ue – è sempre di trovare un accordo con gli Stati membri, piuttosto che andare in giudizio” Per l’Ue il calcolo della quota del 33% riferito alle spiagge occupate da concessioni demaniali non “riflette una valutazione qualitativa delle aree in cui è effettivamente possibile fornire servizi di concessione balneare”. Vale a dire che  nella restante percentuale che per il governo può essere messa a gare il tavolo tecnico ha incluso tratti di costa inutilizzabili o per cause naturali o perché sedi di porti e strutture industriali, o perché protetti.

TAXI  VOLANTI  NEL TURISMO  DI  DOMANI  La  ricerca annuale Travel Trends 2024 di Amadeus, conferma che l’intelligenza artificiale generativa continuerà ad esercitare una maggiore pressione nel settore della mobilità, con i taxi elettrici pronti a decollare. Da parte loro le compagnie aeree – si legge in una nota – continueranno a rimodellare la propria offerta per soddisfare i gusti in continua evoluzione. Individuati cinque scenari. Primo. Il trend dei concerti è destinato ad accelerare: c’è correlazione tra le prenotazioni dei voli e le varie kermesse. Secondo.  Gli “agenti di influenze” diventeranno facilitatori di prenotazioni dirette coi loro canali. Terzo. E’ il momento degli skyways elettrici. Poiché le città sono sempre più congestionate e l’inquinamento atmosferico si diffonde, una potenziale soluzione al trasporto a combustibili fossili sarà la nascita di skyway che consentiranno ai taxi volanti, agli aerei elettrici a decollo e atterraggio verticale (eVtol) e ad altri tipi di mezzi green di fornire alternative al trasporto aereo a basse emissioni, sia nelle aree urbane, sia verso aeroporti secondari, sia all’interno del territorio nazionale e tra le isole. Quarto. Per Amadeus la prossima generazione sarà quella dei servizi al cliente con tecnologia ad Ai generativa riducendo il carico di lavoro dei dipendenti che devono occuparsi della maggior parte dei servizi post-vendita e della gestione delle recensioni dei clienti, e dando loro la possibilità di intervenire su questioni più specializzate con un tocco umano. Quinto.  Con  un numero sempre maggiore di viaggiatori che desiderano volare nella parte anteriore dell’aereo, esiste l’opportunità di offrire tariffe di business class “disaggregate” più convenienti e accessibili.

CICLOTURISMO IN FIERA  Dal 5 al 7 aprile 2024 si terrà a Bologna (DumBO) la terza dizione della Fiera del Cicloturismo organizzata da Bikenomist, azienda specializzata nella comunicazione e promozione delle economie della bicicletta. La kermesse è  un punto di riferimento per il settore del turismo attivo nazionale e internazionale. Novità della Fiera sono il Forum del cicloturismo con la presentazione del 4° rapporto Isnart;  lo spazio ai workshop e ai racconti di esperienze con i Bikeitalia Talks, accanto a un’area espositiva ancora più ampia per accogliere le proposte di mete per le vacanze attive, italiane ed estere; le  proposte di produttori di bici e accessori per offrire un’esperienza di visita a 360°. Inoltre sono in programma il Forum “From Bike to Business” dedicato alla creazione di competenze e sinergie per stimolare la crescita del settore del cicloturismo e i suoi operatori e attività di networking e un workshop one to one per incontrare i buyer di riferimento del settore. Il cicloturismo – sostengono gli addetti ai lavori – è un settore che sta vivendo una crescita esponenziale: nel 2022 il numero dei cicloturisti che hanno scelto l’Italia è raddoppiato rispetto al 2019, con un impatto economico superiore ai 4 miliardi di euro. .

APRE L’ITALIA DELLA NEVE  La stagione invernale è partita. Nel Trentino si sono aperti  nei giorni scorsi gli impianti a Madonna di Campiglio e sul Ghiacciaio del Presena. Si scia sulle piste del Grostè e sopra Passo Tonale. Entro la fine di novembre è la volta di Paganella e Ski Center Latemar dal versante di Pampeago, Dal 2 dicembre,  aprono gli impianti di Folgarida, Marilleva, Pinzolo, Pelo, Monte Bondone, Folgaria, l’Alpe Cermis, l’Alpe Lusia e Passo San Pellegrino. Subito dopo (dal 5 dicembre) sono disponibili le piste di Val di Fassa, San Martino di Castrozza e Lavarone. D’intorno si apre l’esclusivo scenario delle Dolomiti con mille accoglienze e mille attenzioni per i turisti della neve. L’obiettivo è quello di superare le sette milioni di presenze della precedente stagione 2022 .

ROMA-CORTINA IN TRENO DI NOTTE  Si chiama Cadore il treno che, viaggiando di notte, collega  Roma Termini a Calalzo con fermate intermedie a Orte, Orvieto, Treviso, Ponte nelle Alpi e Longarone-Zoldo. Si parte alle ore 21,40 con arrivo alle 7,57 del mattino seguente. L’accesso a bordo sarà consentito fino a 40 minuti prima della partenza, così da poter consegnare al personale dedicato i propri bagagli, comprese le eventuali attrezzature sportive, che saranno sistemate in un apposito vagone. Dalla stazione di Calalzo è attivo un servizio di bus che raggiungerà il centro di Cortina d’Ampezzo in meno di un’ora.  Si dorme in cuccetta o in vagone letto come ai vecchi tempi, quando erano attivi questi servizi sospesi una decina d’anni fa. I passeggeri potranno scegliere la sistemazione in cabine letto  singole o doppie, che comprendono nel biglietto anche il servizio di cena e colazione, oppure in cuccette da 4 o 6 posti che possono essere riservate anche interamente per viaggi di gruppo.  A disposizione dei viaggiatori, inoltre, la vettura ristorante, con prodotti made in Italy, e il servizio bar. Il collegamento Roma-Cortina sarà attivo durante tutti i week end tra il 15 dicembre 2023 ed il 25 febbraio 2024, con alcune corse aggiuntive nel periodo natalizio 18 dicembre – 3 gennaio.. L’iniziativa è di FS Treni Turistici Italiani, la nuova società del Gruppo FS dedicata al turismo sostenibile. Il dettaglio sulle date e dei costi è consultabile su fstrenituristici.it.  

GIURIA PER  CAPITALE CULTURA 2026 Ecco i componenti della giuria, presieduta da Davide Desario direttore di Adnkronos, che dovranno scegliere le 16 città candidate a Capitale della Cultura 2026 :Virginia Lozito, Luisa Piacentini, Andrea Prencipe, Andrea Rebaglio, Daniela Tisi e Isabella Valente. Devono valutare le candidature presentate sulla base di una serie criteri tra cui la ricchezza del patrimonio culturale, la capacità di promuovere la cultura e le arti, la valorizzazione del territorio e il turismo. La città designata riceverà il testimone da Agrigento – Capitale della cultura 2025 – e otterrà un contributo statale di un milione di euro per la realizzazione del programma di attività.

ACCORDI  SUL TURISMO SOSTENIBILE   In  occasione del Forum “Grandi destinazioni italiane per un turismo sostenibile. Iniziative e strumenti adottati dalle città” tenutosi recentemente a Venezia (Ca’ Calergi Vendramin), è stato firmato  dagli assessori al Turismo di Roma Capitale, Alessandro Onorato, di Milano, Martina Riva, di Venezia, Simone Venturini, di Firenze, Alessia Bettini e dal consigliere comunale di Napoli, Lugi Carbone un protocollo d’intesa triennale per sviluppare e realizzare azioni condivise per migliorare la sostenibilità, la competitività e l’accoglienza nelle grandi destinazioni italiane condividendo e favorendo buone pratiche per un turismo sostenibile. Nel documento si legge tra l’altro “Innestare un circolo virtuoso che, partendo dai risultati e benefici che si possono ottenere agendo nelle grandi destinazioni, si estenda alle altre realtà del turismo italiano sia in termini verticali, all’interno di tutta la filiera del comparto turistico, sia orizzontali, investendo territori sempre più estesi”. Le iniziative si svilupperanno nell’ambito di un’azione coordinata tra Ministero del Turismo e la Grandi destinazioni italiane per un turismo sostenibile (GDITS) e saranno istituiti una cabina di regia tecnica e un Comitato di coordinamento rappresentato dagli assessori competenti .   .

 

,

 

 

Print Friendly, PDF & Email
Condividi con:
LEGGI TUTTE LE NOTIZIE