Turismo d’Italia

di VINCENZO CENITI-

BALNEARI  ANCORA POMO DELLA DISCORDIA   Il  decreto legislativo sulla mappatura degli stabilimenti balneari per la ricognizione delle concessioni, comprese le spiagge che il  Coniglio dei Ministri voleva discutere subito, ha fatto rumore e polemiche, tanto che il ministro del Turismo Garavaglia ha pubblicamente dichiarato “Se si fa una cosa che di fatto è inutile in un momento come questo, mi dimetto. Non ha senso – ha aggiunto  – fare un’azione che chiaramente sembra politica a una settimana dalle elezioni”. Sembrerebbe, peraltro, che il ministro non sia stato neanche coinvolto sulla stesura del testo. Draghi aveva intenzione di smaltire con celerità la maggior parte dei decreti attuativi legati al Pnrr (tra cui quello della concorrenza e quindi dei balneari), in modo da agevolare il lavoro del prossimo Governo in vista del raggiungimento degli obiettivi necessari ad ottenere  la seconda rata di quest’anno dei fondi europei ammontanti a circa 20 miliardi di euro. Per Garavaglia è invece più opportuno rimandare la questione al prossimo Governo. .

ELEZIONI. SI PARLA POCO  DI  TURISMO   In questa campagna elettorale si parla poco e male di turismo. L’amara constatazione è del  presidente di TH Group Graziano Debellini secondo il quale i vari partiti dicono poco o niente di  proposte e di progetti sul piano concreto.  “Su tutti i fronti – ha aggiunto – si recitano a memoria le solite dichiarazioni con esaltazione del comparto incoming. Questo senza mai citare un eventuale potenziamento delle infrastrutture che in alcune zone d’Italia sono ormai passate di moda. Molto poco rispetto alle richieste che continuano ad arrivare dalle associazioni di categoria. Per il momento la campagna elettorale ha dimenticato il turismo, questo appare abbastanza chiaro”. Considerazioni da condividere con preoccupazione, soprattutto perché manca nei partiti contendenti un progetto comune in grado di assicurare all’Italia nei prossimi anni una meritata leadership.

MILLE PIAZZOLE CAMPER.  Finalmente i camperisti sono stati ascoltati. Il ministero del Turismo ha deciso di finanziare la realizzazione di 1.000 piazzole camper di qualità in varie parti d’Italia. Lo ha annunciato Massimo Garavaglia nel corso del convegno “Ruolo del turismo itinerante per lo sviluppo economico dei territori” tenutosi nei giorni scorsi a Parma in occasione della 13^ edizione del Salone del Camper organizzato in collaborazione con APC, Associazione Produttori Caravan e Camper. “La Francia – ha aggiunto Garavaglia – dispone di 4.000 piazzole di sosta; in Italia attualmente ne abbiamo 2.000. Rischiamo di non riuscire a intercettare i turisti del Nord Europa e per questo abbiamo deciso di stanziare dei fondi per potenziare questo tipo di offerta”. Chi ci legge sa che in queste news abbiamo da anni sostenuto l’importanza delle aree di sosta per camper specialmente nei piccoli comuni privi di attrezzature ricettive. Il consigliere Unionturismo Pasquale Zaffina, già presidente di AtcItalia, durante il suo mandato, ne ha fatto una vera e propria missione sostenuta anche in varie occasioni dal presidente Unionturismo Gianfranco Fisanotti, convinto  sostenitore del turismo all’aria aperta. .

EN PLEIN AIR   Secondo i dati FAITA Federcamping, l’estate 2022 conferma una ripresa importante per i campeggi italiani con un totale di 10,5 milioni di arrivi e oltre 69 milioni di presenze, indicando una previsione di crescita per la stagione 2022 del 30% rispetto al 2021. In questo quadro è del 69% la previsione di crescita della sensibilità per il turismo sostenibile e l’eco turismo nei prossimi 10 anni. Un’indagine sul turismo sostenibile di UniVerde evidenzia infatti la sempre più crescente attenzione verso le tematiche green. Tra gli intervistati, il 58% si pone il problema di fare scelte che non danneggino l’ambiente quando pianificano la vacanza.

PRESENTATA ROMA EXPO    Roma Expo 2030 prende forma. Il progetto all’insegna del tema “Persone e territori: rigenerazione urbana, inclusione e innovazione” è stato presentato dal Comitato promotore al segretario generale del Bie-Bureau International des Expositions, Dimitri Kerkentzes. In seguito agli interventi progettati,  il numero dei posti letto nella Capitale sfiorerà nel 2030 le 200mila unità. Il prossimo step, in programma per febbraio 2023, sarà la visita a Roma degli ispettori del Bie.  Com’è noto, le altre candidature ufficiali sono Riad (Arabia Saudita), Odessa (Ucraina) e Busan (Corea del Sud).

VIAGGI  GRATIS IN EUROPA    Riaprono l’11 ottobre le candidature per partecipare al programma ‘DiscoverEU’, rivolto ai giovani provenienti dai Paesi del programma Erasmus, e aggiudicarsi un biglietto ferroviario per andare alla scoperta del Vecchio Continente.  Per tentare la sorte basterà fare domanda sul Portale europeo dei giovani (https://europa.eu/youth/home_it) rispondendo a un quiz. C’è tempo fino al 25 ottobre. Le ragazze e i ragazzi che hanno compilato con successo il quiz di selezione, e che sono nati tra il 1 gennaio 2004 e il 31 dicembre 2004, potranno viaggiare in Europa per un massimo di 30 giorni dal 1 marzo 2023 al 29 febbraio 2024. I vincitori continueranno inoltre a beneficiare di una carta sconto per oltre 40mila servizi fra trasporti pubblici, cultura, alloggio, cibo e sport.

IMPOSTA DI SOGGIORNO. NOVITA’ PER I VERSAMENTI  Entro la fine del corrente mese di settembre gli operatori della ricettività che riscuotono l’imposta di soggiorno sono tenuti a presentare la dichiarazione all’Agenzia delle Entrate segnalando l’importo incassato per gli anni 2020 e 2021. .La dichiarazione va effettuata online sul sito dell’Agenzia, compilando la modulistica dell’area riservata. L’obbligo vale per tutti i gestori di strutture ricettive: (alberghi, case vacanza, b&b professionali e non, affittacamere) e per i mediatori che gestiscono portali di locazioni turistiche. A partire dal prossimo anno  la dichiarazione di quanto riscosso nell’anno precedente dovrà essere effettuata entro il 30 giugno. Le sanzioni per omessa o imperfetta comunicazione vanno dal 100 al 200% dell’importo dovuto.

 

FEDERALBERGHI.  IL TURISMO  LAVORA PER L’ITALIA   l manifesto programmatico di Federalberghi indica le misure per sostenere la crescita.Tra le priorità indicate, si fanno notare la diminuzione della pressione fiscale (in primis ridurre le tasse sugli immobili,che gravano sulle imprese anche quando sono chiuse o semivuote), il sostegno agli investimenti (con il potenziamento del credito di imposta per la riqualificazione delle strutture ricettive), lo sviluppo di nuovi servizi (riformando le regole anacronistiche che non consentono agli alberghi di ampliare l’offerta), il contrasto all’abusivismo dilagante (per garantire la sicurezza e tutelare turisti, cittadini, lavoratori, imprese ed erario), l’ammodernamento delle reti e delle infrastrutture (per far sì che tutto il nostro paese sia fruibile ed accessibile). Il dossier all’insegna dello slogan “Il turismo lavora per l’Italia” è stato predisposto sulla base dei contributi dell’annuale assemblea (Parma, 14 maggio 2022) ed è attuale  in vista delle elezioni del 25 settembre. .

TURISMO.  DESTINAZIONE EUROPA Si è tenuto nei giorni scorsi a Roma un vertice europeo sul turismo tra i massimi esponenti dell’European Travel Commission (fondata nel 1948), responsabile della promozione dell’Europa come destinazione turistica, riuniti con il ministro del Turismo Massimo Garavaglia, la vice presidente di European Travel Commission Magda Antonioli e l’Ad di Enit Roberta Garibaldi per rafforzare il ruolo dell’Italia nel vecchio continente. L’Italia, è stato ribadito, gioca un ruolo cardine a livello europeo per tracciare le linee guida sul futuro del turismo sostenibile e accessibile con i suoi 58 siti del patrimonio mondiale dell’Unesco, 4.908 siti culturali tra musei, siti archeologici, monumenti ed ecomusei aperti al pubblico, 357 dei quali si trovano nel Lazio, mentre Roma è la città che ne ospita di più (121 siti culturali). L’obiettivo è creare una rete sempre più strutturata per un’industria del settore integrata con obiettivi comuni. Fondamentale il consolidamento delle risorse umane ed economiche ancora disomogenee per garantire investimenti mirati e un’offerta sempre più qualificata. L’obiettivo di fondo resta quello di rafforzare lo sviluppo sostenibile dell’Europa come destinazione turistica. Negli ultimi decenni, si è posizionata in prima linea nel settore, stabilendo le sue competenze e costruendo partnership in aree del turismo, basate sulla promozione, la market intelligence e la condivisione delle migliori pratiche.

 ARCHE DI  NUOVO MARTORIATA Unionturismo si associa al dolore che ha colpito molte popolazioni delle Marche in seguito al nubifragio dei giorni scorsi e prega il consigliere Barbara Cacciolari di farsi interprete di questi sentimenti presso le locali istituzioni, soprattutto di Senigallia, tra le città più colpite, dove era previsto in ottobre un convegno sulla valorizzazione dei prodotti regionali di eccellenza che è stato rinviato a data da destinarsi.

 

 

 

 

 

Print Friendly, PDF & Email