Tuscia Film Fest, il Premio Pipolo ad Alessandro Borghi

di MARIELLA SPADAVECCHIA –

VITERBO – E’ stata la serata del Premio Pipolo, quella di ieri, per il Tuscia Film Fest. Sul palco di piazza San Lorenzo, a ricevere il prestigioso riconoscimento, che viene consegnato ogni anno ad un personaggio emergente del cinema italiano, è stato il ventinovenne attore romano Alessandro Borghi, protagonista del film “Non essere cattivo, presentato come evento speciale alla 72ª Mostra del Cinema di Venezia e candidato italiano al premio Oscar 2016.


©TusciaTimes“Credo che Pipolo avrebbe scelto proprio Alessandro Borghi, per la sua particolarità di essere attore e perché raffigura appieno lo spirito di questo riconoscimento” – ha sottolineato, consegnando il Premio, lo scrittore Federico Moccia, figlio del celebre sceneggiatore viterbese Giuseppe, meglio conosciuto col nome d’arte Pipolo. Accanto a Moccia, in questa tredicesima edizione del Tuscia Film Fest, Andrea De Simone, di Confartigianato, partner del Premio Pipolo dal 2012.

“E’ bellissimo – ha detto Borghi ricevendo il premio – Lo voglio dedicare a Claudio Caligari, che ora non c’è più. Con questo suo film, Claudio mi ha regalato la cosa più bella della mia vita. E’ stato magico. Vi auguro di godere di questa pellicola, in cui emerge il cuore enorme con cui è stata fatta”.©TusciaTimes

E prima della proiezione di “Non essere cattivo”, ultima opera del regista Caligari (scomparso proprio poco dopo la fine delle riprese del film), ambientato nella Ostia della metà degli anni ’90, che racconta un mondo ruvido, aspro e sgradevole in cui i due protagonisti, Cesare (Luca Martinelli) e Vittorio (Alessandro Borghi) vengono trascinati in una vita vorticosa, fatta di soldi, macchine potenti e droga, l’attore ha parlato al pubblico viterbese di se stesso e della sua carriera. Ha ricordato i suoi esordi come stuntman, le sue prime parti in qualche fiction televisiva e l’approdo al cinema.

©TusciaTimes“Sono felice di vedere così tanta gente – ha affermato Alessandro Borghi, intervistato dal critico cinematografico Enrico Magrelli, consulente editoriale del TFF – questo significa che dopo un anno dall’uscita del film il pubblico ha ancora voglia di vederlo.

Tempo fa non avevo alcuna intenzione di fare l’attore. Facevo arti marziali e avevo un amico stuntman e così, ogni tanto, ho iniziato a fare qualche particina come stuntman a Cinecittà, ma non avevo idea di ciò che sarebbe accaduto. Una sera, all’uscita dalla palestra, sono stato avvicinato da Danilo Cesarano, che è poi diventato il mio agente, che mi ha detto che avevo una faccia interessante e mi ha proposto di fare un provino per Distretto di Polizia. Era il 2006. Così è cominciato tutto.

Ho avuto qualche particina in alcuni sceneggiati televisivi che mi hanno consentito di guadagnare qualcosa e di iniziare a studiare seriamente, dai corsi di dizione e recitazione alla scuola di Gianni Tamburi. Per pagarmi gli studi, intanto, facevo il cameriere a Roma, da Cesare al casaletto”. RIS 5, Squadra Narcotici, Romanzo Criminale… poi la grande occasione del debutto cinematografico, quando Stefano Sollima, dopo il successo riscosso con la serie tv Gomorra, gli ha affidato il ruolo di Numero 8, boss della mala di Ostia, in Suburra, pellicola tratta dall’omonimo romanzo di Carlo Bonini e Giancarlo De Cataldo.©TusciaTimes

“L’incontro con Claudio Caligari – ha aggiunto Borghi – è stato decisivo per la mia carriera di attore. Avevo visto tutti i suoi film e ho fatto un provino con lui per Non essere cattivo. Per tre settimane ho lavorato come spalla per i provini e non sapevo che proprio io sarei stato il vero protagonista del film. E’ stata l’esperienza più bella della mia vita. Ancora oggi quando rivedo questo film penso di assistere al documentario di me a 20 anni. Lavorare con un regista come Claudio Caligari è stato fantastico. Per lui fare cinema significava catturare dei momenti. Senza alcuno stress emotivo e senza la paura di metterti continuamente in gioco. Ti senti veramente un attore solo quando ti rendi conto che ti viene facile, spontaneo, naturale, quando non fai nessuna fatica. Claudio mi ha insegnato molto. Anche nei momenti peggiori della sua malattia, era sempre presente. Con un filo di voce e poche parole, è stato capace di darmi consigli e suggerimenti preziosi. Per questo voglio dedicare il Premio Pipolo a questo mio grande Maestro”.

Federico Moccia
Federico Moccia

La terza serata del Tuscia Film Fest si è aperta con il Prefestival, un appuntamento alle 19.30 in piazza della Morte, con lo scrittore e regista Federico Moccia, intervistato da Franco Grattarola. Moccia ha ricordato, a dieci anni dalla scomparsa, il padre Giuseppe, nato a Viterbo nel 1933 e sceneggiatore cinematografico di enorme successo insieme a Franco Castellano della celebre, inossidabile coppia Castellano e Pipolo, con cui ha firmato più di 120 film. Dopo aver raccontato il suo legame col padre e le collaborazioni cinematografiche, ha parlato del suo percorso professionale come scrittore e regista. Federico Moccia ha presentato il suo ultimo libro Tu sei ossessione , uscito a dicembre scorso.©TusciaTimes

“E’ un libro che racconta la storia di uno scrittore trentacinquenne di successo – ha spiegato l’autore – ossessionato dai social network, che riceve un messaggio su facebook da una ragazza”. Tra i progetti cinematografici di Federico Moccia, un film che rivaluta i sentimenti puri, raccontando come sarebbe la vita senza telefonino, o quali difficoltà si potrebbero incontrare quando non c’è campo.

   

Articoli Correlati

POTREBBE ANCHE INTERESSARTI
Domenica 27 gennaio la benedizione degli animali in piazza del Plebiscito, attenzione alla viabilitàLEGGI TUTTO
VITERBO- Torna la benedizione degli animali in piazza del Plebiscito. L’appuntamento, organizzato  dal Centro equestre Cava di Sant’Antonio, in programma domenica
Il 25 gennaio nasce Piazza Grande Futuro ViterboLEGGI TUTTO
VITERBO- “Venerdì prossimo, 25 gennaio, presenteremo la mozione Zingaretti ai giovani della provincia: nasce ufficialmente il comitato Piazza Grande Futuro Viterbo.
Consiglio comunale, la prossima seduta domani 24 gennaioLEGGI TUTTO
VITERBO – Il presidente del consiglio comunale Stefano Evangelista, sentita la conferenza dei capigruppo dello scorso 18 gennaio, comunica che la
Vaccini ed autismo, nessun nesso per la CassazioneLEGGI TUTTO
di REDAZIONE- VITERBO- Vaccini e autismo, niente nessi. La conferma arriva dalla Cassazione, che ha dichiarato inammissibile il ricorso di una
Grande successo anche a Pisa e Cascina per SuperAbileLEGGI TUTTO
PISA – “Ciò che conta non sono gli anni della tua vita ma la vita che metti in quegli anni”.
Anna Valle in “Cognate- cena in famiglia” al teatro Traiano di CivitavecchiaLEGGI TUTTO
CIVITAVECCHIA  – Anna Valle è la protagonista della commedia Cognate – Cena in famiglia del francese Éric Assous nell’ambito della stagione
Le previsioni meteo di domaniLEGGI TUTTO
VITERBO – Condizioni di tempo stabile con nuvolosità irregolare sia nel corso della mattinata sia nel pomeriggio; schiarite man mano
Tarquinia, denunciato dai Carabinieri di Grotte di Castro 25 enne rumeno per avere rubato una BmwLEGGI TUTTO
TARQUINIA (Viterbo) – In pieno giorno, a Tarquinia di fronte ad un’ abitazione dove era parcheggiata, era stata rubata alla proprietaria,
Nasce nel Lazio GREMPASS, associazione internazionale di GrafologiaLEGGI TUTTO
ROMA- Dare vita ad una realtà di respiro internazionale finalizzata alla tutela dei professionisti che operano e vogliono lavorare attivamente
Finanziato il progetto Te. Lazio per la terza età, l’assessore Sberna: “Più programmazione e qualità attiva centri anziani”LEGGI TUTTO
VITERBO – Progetto TE – Lazio per la terza età, il Comune di Viterbo ha ottenuto un finanziamento regionale riguardante le