Tuscia team volley: il ritorno dei fratelli Antonucci

volleyUna partita memorabile quella di sabato 23 novembre che, in occasione della sesta giornata di campionato, ha visto scendere in campo i fratelli Matteo e Claudio Antonucci. Dopo due anni, i ragazzi tornano a giocare insieme anche se si tratta di una situazione momentanea e di una scelta di natura tecnica dovuta ad alcune defezioni.

Determinante per l’entrata in scena del coach Matteo Antonucci l’indisponibilità di Francesco Gomiero che ancora infortunato alla schiena non riuscirà a recuperare piena forma fisica in tempi brevi.

Dopo la partita disastrosa della scorsa settimana e la prima sconfitta per 1-3 contro il Privilege Volley, il Tuscia team volley decide di reagire nell’immediato trovando una nuova soluzione. E i risultati match parlano chiaro, 3-1 per Viterbo.

La partita è stata molto combattuta e i parziali lo dimostrano: 14/25; 25/22; 22/25; 21/25 sotto gli occhi di un pubblico caldo che ha incitato la squadre e sostenuto a gran voce l’accoppiata vincente schierata dal team viterbese.

Ma in generale tutta la squadra si è dimostrata combattiva e tenacemente ha portato a casa altri tre punti fondamentali per la classifica. Certo, non sono mancati gli errori, le mancanze e sono numerose, a detta dello staff tecnico, le lacune da colmare per crescere ed ottenere certezza nei risultati. Ma si lavora su questo.

Buone le prestazioni di Dezulian sempre pronto ad aiutare concretamente la squadra e ad incitare i compagni, lodevole l’atteggiamento di Federico Fabbio che mostra ampi margini di miglioramento e adattabilità, Serafini buon gioco anche per lui, ottimo Bondini ritornato nel pieno della sua forma fisica. Da sottolineare l’eccellente prestazione di Claudio Antonucci, che mette a segno ben…e l’immancabile sintonia col fratello (nel ruolo di palleggiatore), determinanti per la chiusura vincente del match.

Prossimo appuntamento: TUSCIA TEAM VOLLEY vs VIRTUS ROMA sabato 30/11/2013 ore 18,30 presso Palavolley via Gran Sasso, Viterbo.

   

Leave a Reply