Udienza al Tar il 24 Aprile per il deposito delle scorie nucleari: opposizione delle autorità locali e associazioni ambientaliste

Il Tribunale Amministrativo Regionale (Tar) ha fissato per il prossimo 24 aprile un’importante udienza riguardante il ricorso contro la creazione del deposito delle scorie nucleari. La contestazione verte sulla carta nazionale delle aree potenzialmente idonee a ospitare tale struttura. Il ricorso è stato presentato da un ampio fronte che comprende diversi comuni, la provincia e numerose associazioni ambientaliste, tra cui il Comitato Montalto Futura e il Biodistretto delle Forre e della Via Amerina.

Gli oppositori del progetto sostengono che la selezione delle aree indicate nella carta nazionale non abbia tenuto adeguatamente conto delle implicazioni ambientali e sociali che un impianto di questo tipo comporterebbe. In particolare, le associazioni ambientaliste evidenziano i rischi per l’ecosistema e per la salute delle comunità locali, sottolineando l’importanza di valutare alternative più sostenibili per la gestione delle scorie nucleari.

La decisione di portare la questione dinanzi al Tar rappresenta un passo cruciale nella lotta di questi enti locali e gruppi ambientalisti contro la realizzazione del deposito nelle aree designate. L’udienza del 24 aprile sarà un momento chiave per ascoltare le argomentazioni di entrambe le parti e per valutare la legittimità e la congruità delle procedure seguite nella scelta dei siti potenzialmente idonei.

Print Friendly, PDF & Email
Condividi con:
LEGGI TUTTE LE NOTIZIE