Un Haiku di Lorena Paris

di LORENA PARIS-

VITERBO- L’Estate è esplosa e lo haiku – che oggi propongo in rubrica – nasce dalla osservazione di un momento caldo e sonoro del primo pomeriggio estivo. Rappresenta immagini e suggestioni di attimi vissuti: la finestra aperta, la tenda che si muove con le folate calde alla controra, il riposo oppure la voglia di non far niente con il sottofondo del canto delle cicale.
Il kigo, ovvero il riferimento stagionale, è rappresentato dalla parola cicale. La terzina si compone di diciassette more (5-7-5) con sinalefe nell’ultimo verso. Il sentimento, ovvero lo stato d’animo non palesato ma sottinteso, è rappresentato dalle parole ozio e cicale, inserite dopo il trattino.
Gli haiku sono scritti con tutte le lettere in minuscolo.
Per conoscere o approfondire l’immenso mondo degli haiku, consiglio da sempre di consultare
il sito lucacenisi.net

muove la tenda
il vento del meriggio-
ozio e cicale

#dimartedìpoesiaparoleevoce
#lorenaparishaiku
#lorenaparispoeta
@lorenaparis1930

Print Friendly, PDF & Email