Unitus – Ingegneria, primato nella ricerca e dimensione internazionale

VITERBO – L’ingegneria dell’Università della Tuscia festeggia al meglio i 10 anni di vita e si apre agli studenti di tutto il mondo. Dal prossimo anno accademico il corso di laurea magistrale in “Mechanical Engineering” sarà interamente erogato in lingua inglese.

A questa importante decisione ha fatto seguito la recente valutazione della ricerca dell’Agenzia nazionale ANVUR (VQR 2015-2019) secondo cui la ricerca dell’ingegneria industriale dell’Università della Tuscia ha una qualità superiore alla media del 13%, posizionandola al primo posto tra gli atenei pubblici italiani. Dal rapporto pubblicato a fine luglio si legge che delle 38 pubblicazioni sottomesse per la valutazione periodica richiesta per legge, ben 37 sono state valutate eccellenti, di queste 19 sono state inserite tra le “estremamente rilevanti”, con un punteggio finale di 33,9/38.

“Le numerose collaborazioni internazionali e gli eccellenti risultati occupazionali ci hanno convinto che la nostra offerta formativa potesse competere a livello internazionale e al momento i risultati ci stanno dando ragione considerato che oltre 100 ragazze e ragazzi provenienti da tutto il mondo hanno già sostenuto il colloquio per l’ammissione”, commenta Stefano Rossi, presidente della Scuola di Ingegneria e Design.

Per essere ammessi al corso di laurea magistrale in “Mechanical Engineering” occorre aver acquisito, durante i precedenti studi, almeno 36 crediti nelle materie di base ed altrettanti nelle materie caratterizzanti l’ingegneria industriale. Inoltre, lo studente, deve dimostrare una conoscenza almeno di livello B2 della lingua inglese.

Gli studenti del corso di laurea triennale in Ingegneria Industriale dell’Università della Tuscia (test di ingresso online il prossimo 9 settembre alle ore 9:30) sono già in possesso dei requisiti per l’ammissione e avranno la possibilità di accedere ad aule multimediali dove saranno installati dei sensori di ultima generazione per il monitoraggio della qualità dell’aria.

“L’offerta formativa del Dipartimento di Economia, Ingegneria, Società e Impresa diventa sempre più internazionale. Il corso di Mechanical Engineering rappresenta la terza tappa di questo processo dopo i corsi di laurea magistrale in Circular Economy e Economics and Communication for Management and Innovation, attivati negli anni scorsi e già frequentati da centinaia di studentesse e studenti internazionali”, ha affermato Tiziana Laureti, direttrice del Dipartimento.

Print Friendly, PDF & Email