Vallerano, il sindaco Gregori: “Prevenire l’uso inappropriato degli spray al peperoncino è garantire lo svolgimento sereno delle manifestazioni natalizie”

VALLERANO (Viterbo)- “Prevenire l’uso inappropriato degli spray al peperoncino e garantire lo svolgimento sereno delle manifestazioni natalizie,ecco il perché dell’ordinanza comunale”. Il sindaco di Vallerano, Adelio Gregori, replica alla minoranza consiliare.  Dal 24 dicembre, e per tutto il periodo delle festività natalizie, nel territorio comunale di Vallerano è in vigore un’ordinanza del sindaco, Adelio Gregori, con la quale si dispone il divieto all’utilizzo e alla commercializzazione degli artifici pirotecnici illegali e degli spray al peperoncino.

Ordinanze analoghe sono state predisposte da molti comuni della Tuscia, così come da numerose amministrazioni comunali in tutta Italia. Tra queste: Firenze, Torino, Venezia, Milano, Cesena, Matera, Bologna, Imola, Brescia e via dicendo.

Il divieto di usare gli spray urticanti, in particolar modo nei luoghi di svolgimento delle manifestazioni natalizie, è motivato al fine di prevenire l’uso inappropriato delle bombolette contenenti gas oleoresium capsicum e di garantire il sereno svolgimento delle iniziative pubbliche.

“I tragici fatti avvenuti nella discoteca di Corinaldo – spiega il sindaco Gregori –, che fanno seguito a quanto avvenuto in piazza San Carlo a Torino il due giugno 2017, in occasione della finale di Champions league, e al crescente utilizzo degli spay come arma di offesa e non di difesa, per la realizzazione di furti e altri reati, dovrebbero essere motivo di profonda riflessione. Se, a questo, aggiungiamo che, a fronte di quanto previsto dalla normativa vigente, la vendita degli spray è consentita liberamente a tutte le persone che hanno compiuto 16 anni, e che ciò ha comportato, solo nel 2018, l’uso scriteriato degli stessi in almeno 15 scuole in tutta Italia, con molti ragazzi finiti in ospedale, è evidente che il problema si pone in tutta la sua consistenza”.

Trattare questo tema strumentalmente è uno degli errori più marchiani che possono essere commessi. “Lo spray al peperoncino – prosegue il sindaco Gregori – è uno strumento di difesa, pensato in particolar modo per le donne vittime di violenza, di aggressioni e scippi. Pur non essendo rimasti immuni da altri casi gravi di aggressione avvenuti a Vallerano, queste tipologie di reato, anche grazie alla coesione sociale della nostra comunità e alle forze dell’ordine, non costituiscono un’emergenza nel nostro territorio. Mentre ho ritenuto opportuno agire preventivamente sui nostri ragazzi, rispetto all’uso pericoloso degli spray nelle manifestazioni pubbliche, esclusivamente nel periodo delle festività natalizie. E la stragrande maggioranza dei miei compaesani ha testimoniato la sua vicinanza rispetto a questa decisione. Dopo di che tutto è suscettibile di confronto”.

Ciò che, tuttavia, non può passare è l’equazione proposta dalla minoranza consiliare secondo la quale la violenza sulle donne sia un fenomeno direttamente, quasi esclusivamente, legato all’immigrazione. “Che la sicurezza, la sostenibilità, l’accoglienza e l’integrazione siano temi di scottante attualità – commenta Gregori – è ormai un fatto inopinabile. Ma, utilizzare queste questioni per fare propaganda politica e per diffondere preoccupazione tra la popolazione, in questo caso quella valleranese, lo trovo io assurdo. Tanto per stare ai numeri, e citando il rapporto 2018 Istat sulla dimensione del fenomeno della violenza di genere, solo nel 2016 sono state 149 le donne vittima di femminicidio. Di questi 109 omicidi, quasi 3 su 4, sono stati commessi in ambito familiare. 59 donne sono state uccise dal partner, 17 da un ex partner, 33 da un parente. Sempre secondo l’Istat, sono 2 milioni 800mila le donne, fra i 16 e i 70 anni, che hanno subito violenza da partner attuali o ex, mentre sono 1 milione 403mila le donne, fra i 15 e i 65 anni, che hanno subito molestie fisiche o ricatti sessuali sul posto di lavoro nel corso della loro vita lavorativa. Numeri impressionanti, che, oltre al diritto alla difesa, dovrebbero spingerci a parlare di parole più impegnative, e meno redditizie nel breve periodo, come prevenzione, cultura del rispetto, sensibilizzazione. Su questi temi stiamo lavorando, ad esempio con l’adesione alla campagna ‘Non aver paura’ promossa dalla Asl di Viterbo, e con altre iniziative che intendiamo realizzare, già nel 2019. Ogni contributo è ben accetto, ma, per favore, lasciando per una volta da parte la propaganda politica e la demagogia”.

   

Articoli Correlati

POTREBBE ANCHE INTERESSARTI
La Viterbese cade ancora: tris della Reggina!LEGGI TUTTO
di ALESSANDRO PIERINI- La squadra del neo mister Calabro perde 3-1 a Reggio Calabria. La Viterbese incassa ancora reti e
A San Martino al Cimino è arrivata la neve, bianca e sofficeLEGGI TUTTO
(m.a.g.) – VITERBO –  Il borgo seicentesco di San Martino a Cimino, con la neve che ora, (sono le 22.30)
Successo a Martina Franca per il convegno annuale dei giudici di gara FCI PugliaLEGGI TUTTO
Autorevolezza, responsabilità e carisma sono le basi di ogni giudice di gara ma anche nel segno della passione, dell’impegno e
Al via la collaborazione tra l’istituto omnicomprensivo di Orte e la facoltà di Chirugia e Medicina dell’università Cattolica del SacroLEGGI TUTTO
ORTE (Viterbo) – Al via la collaborazione tra l’Istituto Omnicomprensivo di Orte e la Facoltà di Chirurgia e Medicina dell’Università
Migranti, Minnucci (Pd): “Salvini si confronti con il sindaco di Castelnuovo di Porto”LEGGI TUTTO
ROMA – “Perchè Salvini non raggiunge il Cara per toccare con mano lo scempio che il suo DL Insicurezza produce?
Viterbo, il 27 gennaio “OMOCAUSTO”: mostra sullo sterminio dimenticato degli omosessualiLEGGI TUTTO
VITERBO – L’Altro circolo  (Centro culturale di iniziativa Omosessuale), l’Associazione Fondazione Luciano Massimo Consoli, ARCIGAY e Federazione del Sociale USB
Vitersport Libertas d’oro con Alessandro PacchiarottiLEGGI TUTTO
SAN BENEDETTO DEL TRONTO (Ascoli Piceno) – La A.S.D. Vitersport Libertas ha partecipato Campionato agonistico assoluto FINP (vasca corta) nella
Scuola Sottufficiali dell’Esercito in addestramento con sistema simulazioneLEGGI TUTTO
VITERBO – Al via presso la Caserma “Soccorso Saloni”, sede della Scuola Sottufficiali dell’Esercito, l’addestramento dei Marescialli a nomina diretta
Danni Cinghiali, Cenni (Pd): “Il mondo agricolo dopo le parole attende i fatti”LEGGI TUTTO
ROMA – Nota di Susanna Cenni, vicepresidente della Commissione agricoltura della Camera sul tema dei danni provocati dalla fauna selvatica
Unitus, Liliana Bernardi in concerto in “Un arco, dal Barocco al Jazz”, sabato 26 gennaioLEGGI TUTTO
VITERBO – Sabato 26 gennaio alle ore 18.00 all’Auditorium  Santa Maria in Gradi dell’Università della Tuscia è in programma il