Vetralla: guerra a colpi di flash tra il sindaco Aquilani e Gennaro Giardino, amministratore di “Striscia Vetralla”

E’ “guerra” a colpi di flash e di video quella che corre sul web in questi giorni tra il gruppo “Striscia Vetralla”, amministrato da Gennaro Giardino ed il sindaco Sandrino Aquilani.sandrino-aquilani Sul social network di Facebook, infatti, ogni giorno ci sono post del sindaco con foto della Vetralla di un tempo e di quello che ha fatto l’amministrazione comunale nel corso degli anni, come

la biblioteca “vanto della nostra città”, scrive dalla sua pagina Facebook il primo cittadino, l’ufficio turistico con scale ed entratabibloteca-vetralla direttamente sulla via principale ed interni allestiti ed arredati, il parcheggio in via della Pietà, la ristrutturazione della ferrovia vetrallese ed altri interventi del passato che il sindaco ogni giorno ricorda con tanto di foto. parcieggio-exarea-manzotti-sindacoMa il tutto parte da un’idea del sindaco: “Raggi verdi”, ovvero un invito che Sandrino Aquilani ha fatto a tutti i vetrallesi di rimboccarsi le maniche e darsi da fare per ripulire il paese, portando ognuno, il proprio saper fare. “I tempi sono cambiati – scrive Aquilani – e c’è in atto una crisi drammatica. Ognuno, quindi, è chiamato a collaborare”. Da qui l’iniziativa lanciata dal primo cittadino sulla sua pagina Facebook “Raggi Verdi”. “A breve saranno programmati i primi interventi – prosegue sulla sua pagina Aquilani – verranno resi noti luoghi e tempi, chi vuole partecipare sarà libero di farlo. vetralla-alto-sindacoTutte le collaborazioni sono aperte, per chi ha del tempo libero, per chi ha strumenti, mezzi, materiali e voglia di fare. Ma soprattutto per chi ama il proprio paese. Incominciamo a tenerci liberi per il prossimo sabato 16 novembre. Sindaco, assessori, consiglieri, scenderanno in campo, in tenuta da lavoro, mettendo ognuno a disposizione competenze di lavoro e capacità professionali”.

Ma questa iniziativa del sindaco, se ad alcuni è piaciuta, non è di certogennaro-giardino5 stata approvata da altri, a partire da Gennaro Giardino, che denuncia il degrado del paese “ridotto così da anni” e lo fa postando delle foto molto significative: “Il sindaco fa le foto dall’alto – afferma scherzoso Giardino – Io, che sono basso, le faccio dal basso e sono foto scattate in questi giorni”. E così inizia la battaglia a colpi di flash tra il primo cittadino che si vanta delle cose fatte e Gennaro Giardino ed i suoi molti sostenitori che denunciano il totale abbandono e degrado in cui versa Vetralla. Tra le tante situazioni di degrado fotografate “dal basso”, come dice Giardino, ci sono le aiuole completamente prive d’erba. erba-secca“C’è un sistema di irrigazione per il quale sono stati spesi dei soldi di tutti noi contribuenti che ha funzionato solo per qualche giorno e adesso c’è chialbero-secco con la ritrovata di Raggi Verdi, naturalmente ricopiata da Milano, dice a noi cittadini di sistemare il paese. Sabato sarò pronto con fotocamera per vedere tutti i cittadini che correranno in piazza per sostenere questa iniziativa”. Ed ancora contatori con fili scoperti contatore-con-cavoche passano sulle aiuole, pericolosissimi, degrado nella fontana di Piazza Botte ed ancora fontana-piazzabotteun sottopassaggio creato non a norma di legge e vietato ai portatori di handicap in carrozzella ed alle stesse mamme con passeggini al seguito, sottopassaggio-vetralla5tanto che, molti sono costretti ad attraversare la Cassia con il rischio di essere investiti per l’alta velocità delle macchine, dato che, tra l’altro, la strada non ha un attraversamento pedonale, nè un semaforo nonostante i tantissimi incidenti che si sono verificati e che, purtroppo, continuano a verificarsi. Basta spostarsi poi alla piazza di Tre Croci per vedere questi scalini,scalini-rotti-piazza-tre-croci rovinati non per atti vandalici, ma solo per la mancata manutenzione. Ancora a Vetralla ci imbattiamofontana-bici in fontane senza acqua, “arredate” con una bicicletta rotta abbandonata, bagno-pubblicoi bagni pubblici da molti anni abbandonati a loro stessi, frequentati ormai da numerosi ratti, il vicolo dell’ospedale da molti anni puntellato e chiuso alla circolazione, creando un notevole disagio ai commercianti del centro storico. “Sono sicuro che molti vetrallesi vicolo-ospedalescenderanno con il sindaco per contribuite alla sua iniziativa – scrive Giardino – ma poi per favore non vi lamentate più che l’amministrazione non ha ben mantenuto il decoro del paese… Le foto dimostrano la realtà dei fatti: che il paese è stato abbandonato per moltissimi anni e di sicuro non grazie ai cittadini a cui adesso l’amministrazione chiede di partecipare per rendere il paese vivibile. La mia domanda – conclude Giardino – è: Come mai la nostra amministrazione si sveglia proprio adesso e chiede aiuto ai cittadini?? Forse si avvicinano le elezioni?”.

   

Leave a Reply