Viterbese, a Montefiascone di scena una gara delicata

Oggi pomeriggio la Viterbese scenderà in cviterbese-azioneampo a Montefiascone per l’ottava giornata di Eccellenza, girone A laziale. Questa sfida arriva in un momento delicato per la squadra gialloblù: tra campionato e coppa si sono registrati quattro pareggi nelle ultime quattro gare.

Nel mentre sono stati sollevati dal proprio incarico rispettivamente allenatore, Claudio Solimina, e Direttore Sportivo, Andrea Angelucci. Sergio Pirozzi ha preso il posto sulla panchina, mentre per il DS si dovrà aspettare ancora un po’. Tutti avvenimenti che hanno oscurato l’immagine della Viterbese come “corazzata-invincibile”. Quello che più ha preoccupato sono state le prestazioni, decisamente non all’altezza delle aspettative societarie e extra.

E’ pur vero che nel calcio momenti storti e difficili vengono attraversati da tutte le squadre, anche quelle sembranti le più forti. La vera forza di una squadra sta nel superare questi momenti. Ed allora ecco che la partita di Montefiascone può simboleggiare la ripartenza, quell’occasione per ingranare le marce alte e non fermarsi più. Mister Pirozzi può finalmente provare la bontà delle sue prime modifiche apportate in settimana. Già ieri si è tornati alla rifinitura del sabato pre-partita, scomparsa nei giorni antecedenti al suo arrivo.

Nella formazione iniziale pesano le assenze, primo fra tutti il neo-arrivato De Vizzi fermo per squalifica rimediata nella stagione precedente. Gli altri sono Pero Nullo, infortunatosi domenica passata contro il Fregene, e Federici, squalifica per due turni imposti dal giudice sportivo, e Noviello, infortunio. Ecco allora che il tecnico che deve trovare gli incastri giusti: Fapperdue è accreditato nel sostituire il capitano gialloblù come stopper insieme ad Ingiosi. Per il resto dipende molto dal modulo che Pirozzi sceglierà di schierare, ovvero il 4-4-2 o il 4-2-3-1.

Ci sarà un pubblico gialloblù con buona presenza sugli spalti vista la vicinanza tra il paese della Tuscia ed il capoluogo laziale. Appena 15 chilometri che non spaventano minimamente i supporters viterbesi.

   

Leave a Reply