Viterbese-Cavese 1-3: le dichiarazione degli allenatori

di ALESSANDRO PIERINI – VITERBO – Le dichiarazione degli allenatori di Viterbese e Cavese, dopo la sconfitta della squadra gialloblu.

ANTONIO CALABRO, ALLENATORE VITERBESE:

“Come già abbiamo detto in precedenza, ci sono quelle partite in cui paghi completamente. Oggi è stato evidente la nostra difficoltà.
Gli errori non sono mai frutti di un caso, la penso così. Le abbiamo provate tutte e non mi sento assolutamente di condannare i miei ragazzi. Abbiamo avuto già altre giornate del genere e non abbiamo perso.
Stanchezza? Ci può stare. Stiamo arrivando al momento clou e vediamo se, pensando partita per partita, darà i suoi frutti. Adesso dovremo ragionare per arrivare all’obiettivo a cui abbiamo lavorato tanto. Non bravi, dovremo esserlo di più.
Questa è la strada di campionato, per la Coppa Italia è un’altra.
Turn over? Sì, in parte già da oggi.
La Coppa Italia è un obiettivo molto importante.
Oggi abbiamo preso dei gol assurdi che mi hanno fatto osservare che i ragazzi erano scarichi.
La Cavese squadra scarsa? Non credo lo sia.
Senza alibi dobbiamo analizzare la sconfitta per migliorare.
Sini? Lo porto in panchina, ha un problema alla caviglia con ricaduta. Se fosse stato possibile, non avrei neanche fatto entrare Polidori.”

Giacomo Modica

GIACOMO MODICA, ALLENATORE CAVESE:

“Abbiamo ottenuto un’ottima partita contro una squadra importante ed in salute.
I ragazzi hanno fatto una partita straordinaria e ci tenevamo a fare bene. Questa partita ci rimette in corsa.
Gare ravvicinate? Abbiamo speso molto a livello di stress, di energie. Dobbiamo adesso ritrovarle per fare bene a Monopoli. Dipende da noi e da come ci gestiremo.
Abbiamo affrontato questa gara con maturità. Dopo il pareggio c’è stata sofferenza, ma siamo rimasti concreti e consapevoli di quello che potevamo fare.
Finale di Coppa Italia? Nulla di scontato. La Viterbese ha un organico di primo ordine per battere chiunque.”

Print Friendly, PDF & Email