Viterbo, Fratelli d’Italia: “Il 25 settembre sarà scritto nei libri di storia”

di SIMONE CHIANI-

VITERBO – “Portiamo la Tuscia al Governo” è lo slogan che la componente viterbese di Fratelli d’Italia, formata in questo caso da Mauro Rotelli e Massimo Giampieri, ha voluto diffondere per convincere gli abitanti della Tuscia a supportarli, in ottica delle elezioni politiche ormai imminenti.
L’incontro si è svolto nella Sala Conferenze delle Terme dei Papi, alla presenza di un cospicuo numero di pubblico.L’occasione è stata buona fin da subito per invitare gli elettori alla giornata nazionale di chiusura della campagna elettorale “Insieme per l’Italia“, da viversi in Piazza del Popolo a Roma proprio con la leader Giorgia Meloni, non solo per Fratelli d’Italia ma per l’intero centrodestra: la giornata, prevista per giovedì 22 settembre alle 17.30, è organizzata infatti unendo le forze con Lega Salvini, Forza Italia e Noi Moderati di Maurizio Lupi, terza gamba della coalizione.

È Massimo Giampieri a prendere la parola per primo: “Questa campagna elettorale ci ha riempito di gioia, per l’entusiasmo che abbiamo incontrato. Abbiamo posizionato una trentina di gazebo e ne piazzeremo ancora.
Vogliamo portare Giorgia Meloni al Governo.”

“È la prima volta che per la Destra si presenta questa occasione: se tutto va come ci aspettiamo, nei libri di storia il 25 settembre sarà scritto come un giorno importantissimo per la politica italiana – spiega – Con Fratelli d’Italia e il presidenzialismo saranno i cittadini a decidere il Presidente della Repubblica e il Capo del Governo.”

Questa ultima parte di campagna elettorale, per Giampieri, deve procedere soprattutto nel convincere gli indecisi: con loro il numero di elettori per Giorgia Meloni può essere “raddoppiato”, se convinti in maniera decisa e sistematica da ogni sostenitore di Fratelli d’Italia.

È Mauro Rotelli, d’altra parte, a sottolineare il fatto che la campagna elettorale non sia ancora chiusa: questo per invogliare ancora i tesserati e i sostenitori del partito a cercare di allargare la platea di elettori.

“Non ci siamo risparmiati in questa campagna elettorale da quando è caduto il Governo. Il ringraziamento va a voi per il supporto e il calore. Ci siamo sempre sentiti a casa” dice rivolgendosi direttamente ai presenti.

È realmente una tornata storica come diceva Massimo – conclude Rotelli – dopo aver passato 4 anni con la schiena dritta e senza scendere mai a patti, deve essere chiaro che vogliamo portare la Tuscia al Governo. Non dobbiamo lasciarci sfuggire questo risultato, soprattutto nel nostro territorio, perché la provincia di Viterbo e il litorale possono diventare un quadrante economico forte, un sistema, lobby positiva che possa sedersi a un tavolo nazionale e far sentire la propria voce.

Siamo a un passo, lo possiamo fare”.

Print Friendly, PDF & Email