A Viterbo la “Festa dei calendari”. Incontro a Palazzo Papale

Il rinnovo dei calendari avviene nel momento più festoso dell’anno, in prossimità del Natale e alla vigilia dell’anno nuovo. Siamo sommersi dalle offerte di calendari (dal nostro pizzicagnolo alla cartoleria, dal barbiere alla banca, dall’edicolante al calendario4nostro partito politico: tutti ci propongono calendari per rimanere al centro della nostra attenzione per dodici mesi l’anno, loro sperano). Ma questo è un uso recente del calendario perchè anche solo quarant’anni fa, al di là del calendario di Barbanera e di Frate Indovino, c’erano solo i calendarietti profumati dei barbieri. E

se torniamo un pò più in dietro scopriremmo che l’unico detentore della possibilità di organizzare l’anno era l’istituzione ecclesiastica e l’unico calendario era quello delle feste religiose. Sono bastati cento anni per stravolgere completamente la funzione e l’uso dei calendari.Su questo si rifletterà nell’Incontro a Palazzo papale che si terrà venerdì 13 dicembre alle ore 16 partendo da una fortunata circostanza: la presentazione di una serie di una ventina di calendari acquarellati relativi agli ultimi anni che una artista come Carla Picaro ha realizzato e che nell’occasione ci spiegherà.

Contemporaneamente saranno messi in mostra alcuni calendari attuali proprio a conferma della varietà dell’uso dei calendari nei nostri anni. Con questo incontro si chiude la stagione 2013 degli Incontri a Palazzo papale. Il Centro di documentazione e il Centro di ricerche per la storia dell’Alto Lazio fanno gli auguri a tutti gli amici e a tutti i lettori per il prossimo Natale e l’anno nuovo.

   

Leave a Reply