Viterbo, Palazzo dei Priori: presentata l’iniziativa “Consuma ed acquista prodotti della Tuscia” , progetto della Coldiretti in collaborazione con Cotral

È stato presentato questa mattina a Palazzo dei Priori il progetto “Consuma e acquista prodotti della Tuscia”, organizzato in sinergia da Coldiretti Viterbo con Cotral. A illustrarepacifici renna rosati mich panunzi de vincenzi toppi l’iniziativa, nell’ambito di una gremita conferenza stampa nella Sala del Consiglio, renna rosati michelini panunzisono stati il presidente Coldiretti Viterbo Mauro Pacifici e il direttore Andrea Renna, il presidente Cotral Domenico De Vincenzi e il sindaco Leonardo Michelini. “Viterbo – ha spiegato il direttore Renna – rappresenta la città capofila di un “progetto così insolito e strategico per la valorizzazione

dei prodotti agricoli della Tuscia”. “In occasione delle feste natalizie è importante che venga veicolato il messaggio che spinga all’acquisto dei frutti delle nostre terre – ha aggiunto il presidente Pacifici, pacifici rosatisoffermandosi subito dopo sulla pubblicazione didattica realizzata per i bambini che frequentano le scuole primarie di Viterbo -. Da tutti noi per primi deve partire l’attenzione e la valorizzazione del territorio in cui viviamo, dando la precedenza ai prodotti a Km zero coltivati dai nostri agricoltori.

Si tratta di un diario, realizzato con la collaborazione di Cotral e della Fondazione Campagna Amica, che, in oltre sessanta pagine l’opportunità di apprendere l’importanza delle coltivazioni, delle stagioni, dei cibi tipici del proprio territorio. Uno strumento utile e importante per dare modo alle scuole di farsi carico per prime dell’educazione delle nuove generazioni al mondo agrario”. In linea con quanrosati michelinito detto dai rappresentanti Coldiretti, anche il presidente Cotral, De Vincenzi, che durante il suo intervento ha sottolineato l’importanza e il valore dei prodotti della Tuscia. “La valorizzazione del territorio e la riscoperta dei prodotti locali sono obiettivi che ogni Ente, a ogni livello, ha il dovere di promuovere.

Il mondo intero, oggi, ha ben inteso che bisogna puntare molto sull’alimentazione e la rivalutazione di ciò che la natura è in grado di offrire: lo abbiamo visto nel corso dell’ultima Giornata mondiale della alimentazione e lo vedremo in occasione dell’Expo 2015 che si svolgerà a Milano. Per tali ragioni, Cotral Spa ha deciso di sostenere con convinzione la Campagna Amica di Coldiretti, offrendo il proprio supporto per veicolare un messaggio importante che dovrebbe essere diffuso in tutto il territorio regionale. Il Lazio è una regione a forte vocazione agricola, un’attitudine che non deve essere abbandonata e che, anzi, deve ritrovare nuovo vigore nel rispetto della natura e dell’ambiente e per la salvaguardia del territorio e della salute dei cittadini”. Sulla filiera distributiva ha incentrato l’attenzione il presidente della commissione regionale Mobilità Enrico Panunzi. “Al di là di etichettature e tracciabilità, è fondamentale accorciare il più possibile la filiera tra produttore e consumatore, così come garantire il controllo dei vari passaggi dei modelli distributivi e veicolarne un corretto messaggio. La proficua sinergia che ha dato vita a questa operazione si suggella all’interno di una sede importante come questa del Comune di Viterbo. Un luogo che arricchisce ulteriormente il valore dell’iniziativa promossa da Coldiretti e Cotral”.

Condivisione ed entusiasmo anche da parte del commissario Arsial – Agenzia Regionale per lo Sviluppo e l’Innovazione dell’Agricoltura del Lazio – Antonio Rosati, che dopo aver portato i saluti del presidente della Regione Zingaretti e dell’assessore all’agricoltura Ricci, ha dichiarato: “Questo progetto ha alla base ottimismo e volontà di fare “insieme”.

A questa durissima crisi noi dobbiamo rispondere con unità di intenti. Questa è la carta possibile da giocare per uscirne. Facendo economie di prossimità e puntando sui nostri territori e sulle nostre risorse: turistiche, culturali, enogastronomiche e agroalimentari”.

Dello stesso avviso il sindaco Michelini, che in chiusura di conferenza, riagganciandosi alle parole del commissario Arsial ha aggiunto: “Il Comune di Viterbo condivide pienamente il progetto che vede Coldiretti e Cotral insieme per lo sviluppo del nostro territorio e per la valorizzazione dei nostri prodotti.

Due realtà diverse, che in questo caso si compensano e che insieme contribuiscono alla promozione delle nostre eccellenze e, non ultimo, alla crescita delle nostre aziende. Più volte e in più occasioni ho parlato dell’importanza di fare rete. Spesso si ipotizzano progetti, ma non si portano a compimento.

Oggi stiamo parlando di un’iniziativa concretizzata grazie a questa sinergia. Un’iniziativa che tra l’altro, interessando anche le scuole, include un aspetto formativo, educativo e didattico”. Importante appuntamento quest’oggi sotto i portici di Palazzo dei Priori, dove sarà possibile degustare e acquistare miele, confetture, funghi, pane, formaggi, vini e altri prodotti tipici della Tuscia, proposti dalle aziende di Viterbo e provincia che hanno aderito all’iniziativa. Dalla Regione Lazio, anche l’assessore all’Agricoltura Sonia Ricci, non presente alla conferenza stampa, ha voluto esprime il proprio apprezzamento per l’iniziativa.

“La valorizzazione dei prodotti tipici e di qualità dei territori del Lazio sono al centro delle politiche di sviluppo economico della Regione. Per questo sosteniamo con forza ogni iniziativa in grado di promuovere la riscoperta e il consumo dei prodotti agricoli locali come veicolo di sviluppo e di crescita economica. La provincia di Viterbo – ha aggiunto l’Assessore Ricci – è un territorio a grande vocazione agricola, lo dimostra la grande varietà dei prodotti di eccellenza che provengono da questa terra, molti dei quali hanno già ottenuto i riconoscimenti e le certificazioni di qualità. L’assessorato all’Agricoltura è fortemente impegnato ad adottare tutte le misure possibili per sostenere l’economia delle aziende agricole e del settore agroalimentare regionale, salvaguardando la bellezza del paesaggio rurale, la sostenibilità dell’ambiente e la salute del cittadini. Particolare attenzione è rivolta proprio alla valorizzazione della filiera corta e allo sviluppo dei sistemi agroalimentari locali, quali motori per lo sviluppo di imprenditoria giovanile, occupazione e attività economiche connesse ai territori e alle sue bellezze”.

   

Leave a Reply