Viterbo, “Per fare il verso a Pasquino”, di Lorena Paris

L’amica de Pasquino
ancora se scompone
ner vede’  ‘sta  città
dove quasi niente è  in funzione.
Quattr’anni so passati

dar cambiamento dela giunta:  seconno questa Veterbe doveva esse’ un
gioiello d’efficienza
e pulizia ,
ma la programmazione pe’ ciò  è stata un’utopia.
Alla gente  se dà  er contentino de fa’ quarcosa
in più,   pe’ natale e pe’ la festa della santa,
ma poi tutto l’anno ‘sta città  sprofonna
nella dimenticanza.
Le strade sempre zozze, li gabinetti pubblici  serrati co’ la catena,
palazzi storici  chiusi
e decorosi a malapena. Quanno se va  ortre
‘sto confine de’ provincia
o de reggione
te sembra de’ sta
su un antro pianeta
e te pija
la sconsolazzzzzione!!
Lorena Paris
Print Friendly, PDF & Email