Viterbo, “Per fare il verso a Pasquino” di Lorena Paris

VITERBO – E’ vero in tutto er monno/ regna la cattiveria/ ma sta città/ ne porta/ la bandiera, /e di più, attraverso la /“social” comunicazione/ i cattivi sentimenti/ hanno amplificazione; /‘nsomma come/ le peggio comari ar/ lavatoro/ ommini e donne sputeno veleno,/ gente/ che va’ a messa e/ er nome der padre/ semprese fa’,/ nun se la smette mai/ de sparlà,/ e pure … pure/ se fa’ usa’/ da furbi patentati,/ perché ‘sti poracci/ nun capiscono/ manco/ quanno so’ nati.

Orbene, chi fa er verso/ a Pasquino/ consiglia/ a costoro/ de chiude la bocca/ perché er silenzio/ è d’oro!

Print Friendly, PDF & Email