Università Unimarconi

Vitorchiano, una lettrice denuncia l’alta velocità su via Marconi

VITORCHIANO (Viterbo)- Riceviamo da Valentina Persieri e pubblichiamo: “A malincuore mi trovo a dover scrivere questa lettera per porre attenzione ad una questione a me, come penso anche ad altre persone, cara e già più volte sottoposta all’attenzione degli organi competenti.
Vivo a Vitorchiano, Via Marconi è una delle strade principali per l’ingresso e l’uscita dal paese. È provinciale e sfortunatamente ho scoperto sia diventata anche un distaccamento dell’ “AUTODROMO DI MONZA”.
Il livello di pericolosità, dato dall’alta velocità di autisti poco rispettosi e molto imprudenti, rendono rischioso l’attraversamento, il percorrimento, lo scarico/carico merci nelle case o i garage che delimitano la via (alquanto stretta). Ci sono solo due attraversamenti pedonali sbiaditi e all’inizio della stessa nemmeno un cartello per il limite di velocità.
Esasperata, lo scorso anno a settembre, ho scritto alla Provincia di Viterbo che gentilmente risponde testualmente : “Gentile signora, il Suo reclamo va indirizzato all’attenzione degli uffici del Comune di riferimento, in quanto la via in questione si trova nel centro abitato che, per quanto riguarda la viabilità, è di competenza del Comune.”
Mi attivo così scrivendo sul Sito del Comune di Vitorchiano nella pagina “reclami e segnalazioni”, senza però ricevere alcuna risposta. Trovando consenso anche tra altri residenti della via, provvedo ad inviare una mail al Comune (ignorata). Decidiamo così con mio marito di inviare una prima PEC, ignorata anche questa, così come la seconda PEC.
È passato un anno e come Cittadina sono indignata ed offesa da questo silenzio ed indifferenza dell’Amministrazione Comunale di fronte ad un disagio che a mio avviso riguarda la Comunità. Chiedo al comune, nella persona del Sindaco, di prendere provvedimenti urgenti ed efficaci in merito. Dove non arriva il buon senso degli automobilisti credo debba intervenire chi di competenza.
Nel dubbio invitiamo il Sindaco a casa per prendere un caffè, magari accompagnato dai Vigili Urbani muniti di autovelox, così da poter effettuare una media della velocità percorsa nella via. Nel frattempo stiamo pensando di munirci di bandierina a scacchi e, ad orari alterni, far consegnare dai nostri figli una coppa al “Pilota del Giorno” .
Fiduciosa aspetto positivi riscontri”.

Print Friendly, PDF & Email
Condividi con:
LEGGI TUTTE LE NOTIZIE