Volley B2, beffa per l’Orte a Chiusi

Di MarcoDopo una partenza sprint, con due vittorie consecutive, nell’insidiosa trasferta di Chieti è arrivata la prima sconfitta stagionale per l’Interporto Volley Club Orte. Una sconfitta maturata al tie-break, e che regala quindi comunque un punto prezioso agli uomini di mister Di Marco (nella foto), ma che ha un sapore amarissimo se si tiene conto dell’andamento del match.

 

I biancorossi, infatti, avevano condotto agevolmente in porto i primi due set, chiudendoli entrambi 25-21 e portandosi sul 2-0. Nel terzo set il canovaccio sembrava ripetersi, ma all’improvviso, con l’Orte avanti per 8-3 è arrivato un autentico black-out, con il Chieti che è riuscito a ritrovare morale e rifarsi sotto, mentre i nostri entravano in contrasto aperto con il secondo arbitro per alcune decisioni giudicate discutibili e si innervosivano notevolmente.

Dopo una battaglia estenuante punto a punto, sia il terzo che il quarto set sono finiti nelle mani degli abruzzesi, rispettivamente per 25-23 e 27-25. Al tie break decisivo la tensione era ormai alle stelle, quando, sul 14-13 per l’Orte, è avvenuto il “fattaccio”: su un attacco avversario murato in campo dai biancorossi, il primo arbitro ha assegnato il punto e la conseguente vittoria all’Orte, ma il secondo arbitro è intervenuto a capovolgere la chiamata del suo superiore, fischiando un fallo ai viterbesi ed assegnando il punto al Chieti. Innervositi dall’ennesima decisione sfavorevole, gli ortani non sono più riusciti a riprendere il doppio vantaggio necessario per chiudere la partita ed il Chieti è andato a vincere il set 19-17, portandosi a casa il match.

Questa sconfitta rallenta la corsa in vetta alla classifica dell’Orte, che ora occupa la terza posizione in coabitazione con altre due squadre, a tre punti dal duo di testa formato da Grottazzolina e Grosseto. Sabato alle 19:15 il sestetto biancorosso torna tra le mura amiche, dopo due turni fuori casa, sfidando l’Ancona. “Ci piacerebbe vedere tanta gente a sostenerci – ha dichiarato il presidente Aldo Madonna – perché stiamo giocando bene ed abbiamo bisogno del calore del pubblico per continuare a tenere questo ritmo. Sabato a Chieti, a mio giudizio, siamo stati eccessivamente penalizzati dalle decisioni del secondo arbitro; in particolare sul punto del tie-break che ci avrebbe consegnato la vittoria, ha visto qualcosa che non hanno capito nemmeno gli stessi giocatori del Chieti. Ad ogni modo ci sta: la pallavolo è uno sport in cui la palla e i giocatori si muovono a grande velocità, per cui non è facile vedere sempre tutto bene.

Anche quest’esperienza – ha concluso Madonna – ci deve servire da lezione: non dobbiamo farci condizionare dall’arbitro e continuare a mantenere sempre al massimo la concentrazione. A pallavolo si vince pensando sempre alla palla dopo, mai a quella prima.

   

Leave a Reply